Ansia e stress: i danni di una meditazione sbagliata

Recenti studi scientifici hanno indagato l’effetto delle tecniche di meditazione-yoga-mindfulness su soggetti con diversi gradi di predisposizioni al “rilassamento”.

meditazione
depressione – meditazione – photo web source

I risultati sono stati davvero inaspettati. Dicono che 1 persona su 12, ossia 8% circa – e non è poco- ha ottenuto dei peggioramenti, anziché dei benefici, per la propria situazione e per la qualità della sua vita, in seguito alla pratica di tecniche di meditazione.

Premesso questo, la domanda per un cristiano praticante e consapevole sorge davvero spontanea. Partiamo da alcune definizioni. Wikipedia insegna che lo yoga è “inteso come mezzo di realizzazione e salvezza spirituale” da diverse religioni orientali come l’induismo e il buddhismo. ”La mindfulness, come principio di consapevolezza, ha una funzione chiave nella psicologia buddhista”, ma molti ce la propinano distaccata dalla componente religiosa.

Quando la meditazione ti porta fuori strada

Parliamo dunque di “tecniche spirituali”, non scientifiche su cui si indaga scientificamente per comprenderne gli effetti sull’animo umano! Perché non si ritiene la spiritualità cristiana alla stessa stregua? Perché coloro che nascono in occidente dovrebbero aver bisogno della filosofia orientale, che non appartiene alla loro cultura, per comprendere se stessi?

Proporre la mindfulness, poi, scevra dall’aspetto religioso è come proporre un “Padre nostro”, senza spiegare chi è il Padre che si sta invocando.
Non vedete anche voi quanta confusione abita questo pianeta e quanta poca conoscenza ci sia degli effetti della spiritualità sulla vita di ognuno? Ora, se possiamo ben comprendere, essendo cristiani –almeno per nascita- cosa voglia dire meditare e pregare Cristo, siamo altrettanto consapevoli di cosa voglia dire invocare spiriti che appartengono ad un’altra religiosità?

Cosa accade se invochiamo “spiriti sbagliati”

Chiamarli in causa, anche solo per immaginare di risolvere le nostre umane angosce o sofferenze, significa tradire Dio. Significa cercare un altro Dio a cui raccontare le proprie paure, senza avere nessuna sicurezza sulla buona riuscita della cosa.
Se non vogliamo fidarci né di Cristo, né delle sue guide terrene, rendiamoci almeno conto che il potere delle tecniche meditative “senza dubbio è sovrastimato e non è universalmente benevolo”.

corsi di yoga nelle scuole
yoga nelle scuole – photo web source

A dirlo è il ricercatore Miguel Farias dell’Università di Coventry (Regno Unito). Ed aggiunge che, in alcuni casi, esse, hanno provocato un peggioramento dello stress, degli stati di ansia e depressione. Le persone hanno sperimentato qualsiasi cosa, da un aumento dell’ansia, fino agli attacchi di panico”. Al momento, ci sono già 55 studi che affermano questo dato, destinato ad aumentare, secondo gli studiosi.

Ciò che manca davvero all’uomo è comprendere l’origine del proprio male, per portarlo alla luce della verità e disintegrarlo con la forza della fede. Riempire il proprio vuoto esistenziale con qualunque cosa, non risolverà il problema, ma lo alimenterà, trasformandolo in qualcosa di più pericoloso.

Antonella Sanicanti

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]