Il malocchio c’è ed esiste: affrontiamolo così

Superstizione e malocchio: quanto c’è di vero?

Il malocchio può sembrare una cosa da poco conto, ma invece occorre fare attenzione.

malocchio difendiamoci così
photo web source

Ce lo spiegano gli esorcisti.

Cos’è il malocchio?

Spesso ci domandiamo: ma esiste il malocchio? E, soprattutto, che cosa è? E’ un maleficio fatto da una persona, attraverso il mezzo dello sguardo. Non è che, se qualcuno ci guarda storto, ci sta facendo un maleficio. Occorre, qui, fare attenzione.  “Il malocchio è un vero maleficio e suppone l’intenzione di nuocere a una determinata persona con l’intervento del demonio e, per portare a compimento il tutto, viene usato un mezzo nefasto: lo sguardo” – spiegano gli esorcisti.

Ma, da chi può esser scoperto questo maleficio? Non pensiamo che maghi e cartomanti possano scoprire se c’è o non c’è il malocchio verso una persona: la goccia d’olio nel piatto, l’incenso o cose del genere non potranno mai sciogliere un eventuale attacco. C’è, addirittura, chi usa l’ostia consacrata, sottraendola alle pratiche sacre in chiesa per farne un uso scorretto a danno di Dio e a volontà del demonio.

La conoscenza da parte di un esorcista

Per questo, è necessario chiedere a chi, di queste cose, ha scritto e ne comprende la gravità: gli esorcisti.  Uno di questi è l’esorcista palermitano Matteo La Gura che ha incominciato a capire la vera presenza di questo tipo di nìmaleficio e, in particolare, la sua gravità e potenza.

Secondo La Gura, “chi subisce il malocchio è definito soggetto spugna. Si tratta di persone che hanno una particolare sensibilità e subiscono di frequente influenze malefiche. Il malocchio è molto più leggero di un vero e proprio maleficio. Il malocchio è un influsso negativo che viene comunicato con lo sguardo attraverso vari incontri. Esso, anche se leggero, ha un aspetto pericoloso”.

Come difendersi

E’vero: le persone comunicano abitualmente con lo sguardo. Ma quello che è peggiore è il processo di suggestione. Chi subisce il malocchio, quotidianamente è soggetto a lamentarsi sempre di tutto e tutti, non riesce più a vivere in modo sereno e cristiano, inizia a perdere la sua fede. Come eliminarlo? Attraverso la preghiera, attraverso il portare al collo una medaglietta miracolosa…di certo non il classico cornicello” – ha concluso La Gura.

ROSALIA GIGLIANO

Fonte: benedettoxviblog

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]