Madonna di Naju: i tanti miracoli sconvolgenti nel lontano Oriente

La Madonna di Naju si manifestò a una donna sconvolgendo l’intera comunità locale e dando vita a indagini. I prodigi furono sempre di più, e sconvolgenti.

Madonna di Naju – photo web source

Questi eventi miracolosi riportano a un tempo molto vicino ad oggi, e a una località molto distante dalla Vecchia Europa, centro di gran parte delle altre apparizioni mariane, che tuttavia nei secoli hanno toccato senza dubbio l’intero pianeta.

La donna era appena rientrata a casa

In questo caso, gli eventi prodigiosi si verificarono in Corea del Sud, precisamente nella città di Naju, e nell’anno 1985. Tutto comincia quando la quarantenne Julia, una madre di famiglia cattolica, era appena rientrata a casa in seguito a una giornata trascorsa a prestare assistenza in una comunità di handicappati, come peraltro era spesso abituata a fare.

Appena arriva, comincia a recitare il Rosario di fronte a una statuetta della Madonna, e di colpo questa statuina comincia a lacrimare. Julia subito rimane sconvolta e corre ad avvisare il marito di quanto aveva appena visto. La cosa però non si ferma lì, ma al contrario va avanti per ben due mesi.

La Vergine apparve a Julia e le parlò

La notizia piano piano si sparge anche per tutto il paese, al punto da arrivare alla conoscenza del vescovo. La Vergine in persona, poi, apparve a Julia il 18 luglio e le parlò. Le apparizioni, tuttavia, come anche il pianto della statuetta, continuarono. Ad esempio il 19 ottobre dell’anno seguente, Maria pianse lacrime di sangue.

LEGGI ANCHE: Madonna della Lettera di Messina: l’incredibile testo scritto dalla Vergine

A partire dall’ottobre 1991, inoltre, comincia un’essudazione molto profumata. I vescovo della diocesi di Kwangiu si trova quindi, di fronte a tali fenomeni soprannaturali, costretto a ordinare un’inchiesta in cui passare al vaglio i fatti con approfonditi esami scientifici. Tutto risulterà essere assolutamente vero.

Fenomeni soprannaturali coinvolgono la veggente in prima persona

A partire dal 1987, poi, i fenomeni soprannaturali cominciano a coinvolgere la veggente in prima persona. Julia va in estasi continuamente, al punto di rivivere anche la Passione. Le compaiono addosso le Stimmate. In alcuni casi, l’Ostia con cui fa la Comunione stilla sangue. Nel mentre, la Madonna continua a comunicarle dei messaggi e anche una richiesta.

Si tratta di costruire una cappella sul pendio di una collina che si trova poco distante da quel luogo. La Vergine arriva anche ad indicare il punto esatto in cui poi, successivamente, scaturiranno due sorgenti poco distanti. Così effettivamente accadde. La Madonna si presentò come Mendicante celeste e Arca della salvezza.

LEGGI ANCHE: Madonna della Quercia di Conflenti: i numerosi miracoli vinsero l’incredulità

Oggi in quello stesso luogo si trova un santuario mariano in cui i pellegrini si riversano in massa. Tra i vari messaggi che la Vergine annuncia alla donna, però, ce n’è uno molto duro che preannuncia una crisi senza precedenti nientemeno che all’interno della Chiesa. Quello che resta, ad oggi, è il responso dell’arcivescovo di Kwangiu: nei messaggi non c’è nulla di dottrinalmente erroneo. Il resto, per alcuni, rischia di essere tutto sotto i nostri occhi.

Giovanni Bernardi

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]