Lungo colloquio in Vaticano tra papa Francesco e Macron

Lungo colloquio in Vaticano tra papa Francesco e MacronIl presidente della Repubblica Francese Emmanuel Macron è stato ospite del papa martedì 26 giugno. La visita in Vaticano del capo di Stato francese è durata a lungo, circa un’ora la durata del colloquio con il pontefice, ed è stata anticipata da una visita a Palazzo Farnese, sede dell’ambasciata di Francia in Italia. Qui il leader di ‘En Marche‘ si è intrattenuto con Andrea Ricciardi, il fondatore della Comunità di Sant’Egidio con il quale ha parlato di rapporto tra religione e laicità e del lavoro svolto dalla comunità nell’aiuto ai migranti attraverso canali legali. I due hanno evitato di toccare argomenti politici vista l’attuale situazione di tensione tra Italia e Francia, ma Ricciardi ha speso parole importanti nei confronti di Macron, sostenendo che il presidente francese è un uomo con una visione del futuro comunitaria: “Un uomo che vuole costruire una visione ma è convinto che bisogna costruirla insieme”. Nel corso del colloquio Macron ha lodato, dunque, i corridoi umanitari costruiti dalla Comunità di Sant’Egidio tra Europa e Africa ed ha promesso di dare una mano in caso ci fossero delle emergenze umanitarie.

Macron e la visita a papa Francesco

Concluso il lungo incontro con Ricciardi, Macron è giunto dinnanzi alla Casa Pontificia accompagnato dalla moglie Brigitte Macron, e dai ministri degli esteri Gérard Colomb e Jean-Yves Le Drian e l’ambasciatore francese presso la Santa Sede Philippe Zeller. In un primo momento gli ospiti sono stati ricevuti dal prefetto della Casa Pontificia mons. Georg Gänswein che li ha condotti al cospetto di papa Francesco. Concluse le presentazioni e le foto di rito i due, molto sorridenti, sono entrati all’interno della biblioteca per un colloquio privato. L’incontro tra i due dev’essere stato molto proficuo visto che la discussione è durata circa un’ora, mezz’ora in più rispetto a quanto concesso a tutti gli altri capi di Stato.

Luca Scapatello