L’ultimo Miracolo di Santa Rita. Bellissima testimonianza.

5g1uult45024-kmw-u10602730366815pnh-700x394lastampa-it

HO PREGATO SANTA RITA E PER UNO SCONOSCIUTO E SI È COMPIUTO UN MIRACOLO

SONO MADRE DI QUATTRO FIGLI E, COME MADRE, HO PREGATO PER LA SALUTE DI UN RAGAZZO DI 24 ANNI, SENZA CONOSCERLO.

Santa Rita stava lì come un’amica, la migliore delle amiche, che ti parla e sa ascoltarti in qualunque momento, ci fa sentire che sta, come una vera amica del cuore, nell’immenso amore di Dio Padre.

Questo ragazzo doveva affrontare una rischiosa operazione a causa di un tumore spinale, fissata per il due agosto scorso.

Si compì un miracolo, perché il tumore regredì e non fu più necessario intervenire chirurgicamente.

So con certezza che fu Santa Rita a proteggerlo, con la sua fede immensa, affinché i medici non dovessero arrivare ad operarlo.

Ho promesso che se ciò si fosse avverato avrei ringraziato pubblicamente per questo vero miracolo! Il mio cuore, la mia anima, la mia famiglia si godono la gioia di avere sempre Te e nostro Signore Dio tra di noi. Ti amiamo.

TESTIMONIANZA DI ROSARIO BOTTARO (URUGUAY)

(Testimonianza pubblicata sul n. 3-2013 di Dalle Api alle Rose)

Rita da Cascia, al secolo Margherita Lotti (Roccaporena, 1381Cascia, 22 maggio 1457), è stata una monaca italiana dell’ordine agostiniano. Fu proclamata beata da papa Urbano VIII nel 1628 e santa da papa Leone XIII nel 1900.

Santa Rita è una delle Sante più amate ed è oggetto di una straordinaria devozione popolare perché è molto amata dal popolo che la sente molto vicina per la “normalità” dell’esistenza quotidiana da Lei vissuta, prima come sposa e madre, poi come vedova e infine come monaca agostiniana.

PREGHIERA A SANTA RITA PER UNA CAUSA IMPOSSIBILE

Sotto il peso del dolore, a te, cara Santa Rita, io ricorro fiducioso di essere esaudito. Libera, ti prego, il mio povero cuore dalle angustie che l’opprimono e ridona la calma al mio spirito, ricolmo di affanni.

Tu che fosti prescelta da Dio per avvocata dei casi più disperati, impetrami la grazia che ardentemente ti chiedo [chiedere la grazia che si desidera].