Devozione del mese: Luglio è dedicato al Preziosissimo Sangue di Gesù

Cosa rappresenta per noi cristiani il Preziosissimo Sangue di Gesù?

Santa Caterina da Siena affermava: “Chi con la mano del libero arbitrio prende il Sangue di Cristo e lo applica al suo cuore, anche se è duro come diamante, lo vedrà aprirsi al pentimento e all’amore”.

Sangue di Gesù
photo web source

Il calendario della forma Straordinaria del Rito Romano indica una devozione per ogni mese dell’anno. Luglio è dedicato al Preziosissimo Sangue di Gesù e inizia proprio con questa celebrazione, il primo del mese.

Il Sangue di Cristo, in croce e sugli altari

Il Sangue di Cristo richiama alla mente due episodi particolari e fondamentali, per la nostra fede: la trasformazione del vino in Sangue di Cristo, durante l’Ultima Cena di Gesù con gli Apostoli (e, tuttora, in ogni Santa Messa celebrata nel mondo, secondo il principio della transustanziazione); l’atto di Giuseppe D’Arimatea (che si è occupato della sepoltura di Gesù) del raccogliere, nello stesso calice della Coena Domini, il Sangue di Cristo, versato durante la crocifissione, dalle ferite delle mani, dei piedi, del costato.

Cristo ci ha offerto fino all’ultima goccia per suo Sangue, donandosi a noi perché fosse bevanda di vita eterna (nel Corpo, anche cibo di vita eterna). E, durante la Passione, si è reso sacrificabile, per strapparci alle tenebre della perdizione perenne.
Il Salvatore del mondo, il Dio incarnato in un uomo, era venuto tra noi per annientare, lavare, il peccato del genere umano.
Per questo, la devozione al Sangue di Cristo ci assicura protezione contro ogni tentazione, contro ogni forza oscura, contro lo smarrimento dell’anima nostra.

Entrambi gli eventi su citati rimarcano che Gesù ci ha concesso un mezzo più che efficace per combattere satana. Il Preziosissimo Sangue di Gesù, pertanto, ha, da sempre, rappresentato il culto della salvezza, della vita che dura per sempre.

Il Sangue di Cristo: la ricerca del Graal

Tanto è vero che, nel XI secolo, molti partirono alla ricerca del Santo Graal, la coppa che lo avrebbe contenuto.

Sangue di Gesù
photo web source

La potenza del contenuto del Graal era, ed è, immensa ed è anche rintracciabile in ogni calice, di ogni altare, oggi.
Come narra il Vangelo, i soldati spezzavano le gambe ai crocifissi -ad un certo punto della loro agonia- per favorirne la morte, ma, vedendo che Gesù era già spirato, “uno dei soldati gli colpì il fianco con la lancia e subito ne uscì sangue e acqua”.

Quel soldato si chiamava Longino. Si racconta che Longino, dopo aver osservato il Sangue di Cristo che colava a terra, avrebbe raccolto delle zolle impregnate.
Le avrebbe, poi, portate a Mantova e seppellite. Sarebbero state, dunque, ritenute disperse fino al loro ritrovamento, avvenuto nel 804.
Si pensa ci siano tracce del Sangue di Gesù, oltre che a Mantova, nella Chiesa di Sant’Andrea, in quella di Fécamp (Francia), di Bruges (Belgio), di Santa Maria Assunta a Sarzana (Liguria), di San Giacomo a Clauzetto (Friuli Venezia Giulia).

Inoltre, nella Basilica di San Nicola in Carcere, a Roma, si conserva quello che si pensa essere un pezzo del vestito di Longino, macchiano del Sangue di Cristo!

Il Sangue di Cristo ci preserva dal maligno

Il Sangue di Cristo ci preserva e ci difende; ci invita ad affidargli tutti gli aspetti della nostra vita che ci creano turbamento. Nel Preziosissimo Sangue di Gesù, in preghiera (o, meglio ancora, durante la Santa Messa), si possono immergere le nostre intenzioni e le nostre richieste, tutto quanto ci appartiene, sicuri che verranno lavate e purificate, trasformate in grazie e suppliche, degne del sacrificio Eucaristico.

Al Preziosissimo Sangue è bene affidare anche le persone che pensiamo siano più lontane dalla fede. Può essere, questo, un modo efficace per pregare per coloro che conosciamo poco -anche tutti i giorni- senza il timore di venire coinvolti spiritualmente nelle loro vicende poco chiare od inopportune.

Sangue di Gesù
photo web source

Questo è un concetto importantissimo, da tener presente e che mai i cristiani dovrebbero dimenticare, specialmente se già si trovano ad affrontare situazioni particolari o vessazioni demoniache di ogni sorta.
Non serve, quindi, evitare di pregare per gli altri -se siamo in dubbio sulla loro moralità- basterà affidare le singole circostanze ed emergenze al Sangue di Cristo. Ed è bello utilizzare la stessa metodologia per le persone che non ci sono più, di cui non conosciamo, ovviamente, la condizione davanti a Dio, ma per cui desideriamo implorare sollievo e grazia.

Atto di consacrazione al Preziosissimo Sangue di Gesù

Signore Gesù, che ci ami e ci hai liberati dai nostri peccati con il tuo Sangue, ti adoro, ti benedico e mi consacro a te con viva fede. Con l’aiuto del tuo Spirito, m’impegno a fare di tutta la mia esistenza, animata dalla memoria del tuo Sangue, un servizio fedele alla volontà di Dio per l’avvento del tuo Regno.

Per il tuo Sangue, versato in remissione dei peccati, purificami da ogni colpa e rinnovami nel cuore, perché risplenda sempre più in me l’immagine dell’uomo nuovo, creato secondo giustizia e santità.
Per il tuo Sangue, segno di riconciliazione con Dio tra gli uomini, rendimi docile strumento di comunione fraterna.

Per la potenza del tuo Sangue, prova suprema della tua carità, dammi il coraggio di amare te e i fratelli, fino al dono della vita.
O Gesù Redentore, aiutami a portare quotidianamente la croce, perché la mia goccia di sangue, unita al tuo, giovi alla redenzione del mondo.
O Sangue divino, che vivifichi con la tua grazia il corpo mistico, rendimi pietra viva della Chiesa.

Dammi la passione dell’unità tra i cristiani. Infondimi nel cuore grande zelo per la salvezza del mio prossimo. Suscita nella Chiesa numerose vocazioni missionarie, perché a tutti i popoli sia dato di conoscere, amare e di servire il vero Dio.
O Sangue preziosissimo, segno di liberazione e di vita nuova, concedimi di preservare nella fede, nella speranza e nella carità, perché, da te segnato, possa uscire da questo esilio ed entrare nella terra promessa del Paradiso, per cantarti in eterno la mia lode con tutti i redenti. Amen.

Leggi anche: La colonna della flagellazione di Gesù esiste davvero?

Antonella Sanicanti

Segui tutte le nostre News anche attraverso il nuovo servizio di Google News, CLICCA QUI

 

 

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]