Le campane: “troppo rumore multato il Parroco”

news_img1_70129_campane-chiesa-rumore

Incredibile un sacerdote dovrà pagare oltre mille euro di multa perchè le campane danno fastidio fanno troppo rumore.

Monsignor Giuseppe Gianotto  Parroco di Pramaggiore (Venezia), sarà costretto a pagare  una multa di 1.312 euro inflittagli dall’Arpav Veneto (Agenzia regionale protezione ambientale) perché  udite udite le campane che suonano da secoli sono troppo rumorose. I decibel sono troppo forti scattano i controlli sono stati richiesti da un cittadini infastidito dal suono delle campane, il prete risponde “Sono stupito, ma ridurrò il disturbo”

Il monsignore ha ricordato che quelle campane sono lì da secoli e da tutto questo tempo e non ci sono state modifiche il suono è rimasto sempre lo stesso, forse sarà un nuovo cittadino da poco arrivato in paese e non abituato al suono delle stesse. Comunque per non incorrere in ulteriori sanzioni diminuirò la durata dello scampanio a soli sessanta secondi invece dei 3 previsti da alcuni secoli. Il limite lo hanno stabilito gli esperti per rimanere nei limiti di legge consentiti per evitare il così detto inquinamento acustico. Ci viene alla mente Don Camillo del Guareschi, come avrebbe reagito alla provocazione sicuramente conoscendo il suo carattere focoso avrebbe fatto suonare le campane anche di notte. Scherzi a parte il sacerdote ha già presentato ricorso affidato ad un legale di fiducia, tutto con l’aiuto dei parrocchiani che si sono offerti di sostenere le spese legali.

La multa pari 1032€ per uno sforamento minimo dei decibel consentiti sembra eccessiva, e don Gianotto è molto dispiaciuto perchè non voleva alzare un polverone simile ma semplicemente informare i fedeli dell’accaduto in nome della trasparenza che vige nella sua parrocchia. Oltre alla multa da pagare ci sono altre 280€ da pagare di spese di notifica etc. Certo la domanda sorge spontanea se non sopportiamo  più neanche più il suono delle campane fra poco vieteremo anche le processioni e quant’altro possa turbare la quiete pubblica.