L’Italia riparte dalla Zona Gialla ma c’è un rischio all’orizzonte

L’Italia inizia la sua riapertura, gradualmente e con ancora la divisione in fasce di colore. Ma qualcuno ha delle riserve per il futuro. 

riapertura ristornati
photo web source

Alcuni membri dello staff del Ministro Speranza avrebbero ipotizzato una nuova chiusura, a breve, dopo questa parentesi di zona gialla. Un possibile rialzo dell’Rt dei contagi? Il non più rispetto delle norme da parte di tutti? Cerchiamo di capire meglio.

L’Italia che riapre

Frasi riportate dal quotidiano La Stampa, portano di nuovo avanti l’incubo di nuove chiusure, dopo mesi di altalena fra la zona rossa, arancione e gialla. “Lunedì l’Italia sarà quasi tutta gialla ma a fine mese tornerà purtroppo arancione e rossa”: a pronunciarle sarebbero stati alcuni membri dello staff del Ministro della Salute, Speranza.

Da oggi, 26 aprile, l’intero paese, fatta eccezione per sole 4 regioni, si appresta a ripartire, attraverso la reintroduzione della zona gialla e la riapertura graduale di bar, ristoranti, cinema e teatri. Una boccata d’ossigeno per molti settori della nostra economia, affossati dalla pandemia e dal sistema “apri e chiudi” adottato fino ad ora.

C’è chi ipotizza una nuova chiusura a fine maggio

Ma queste affermazioni riportate dal quotidiano torinese sembrano esser dell’acqua gelata. Anche all’interno del Comitato Scientifico, coloro che appoggiano le riaperture sono diventati la maggioranza e il Premier Draghi fa da ago della bilancia. Allora perché queste affermazioni? “Meglio riaprire un po’ più tardi che farlo prima per richiudere dopo” – avevano constatato alcuni membri del CTS, davanti all’affermazione fatta da Draghi, all’annuncio delle riaperture, del “rischio calcolato”.

La preoccupazione per il ritorno in classe

La paura di una possibile quarta ondata? Una campagna vaccinale decollata, sì, ma forse non come tutti s’aspettavano? La cosa che allarma di più è il ritorno a scuola, poiché è lì che, secondo alcuni, ci sono pochi vaccinati (in realtà, solo tra i professori e gli impiegati della scuola, ma nessuno dei ragazzi).

Insomma: davanti all’ossigeno delle riaperture, c’è subito chi fa vedere anche il lato dell’anidride carbonica (cioè del virus) ancora presente fra noi e che allenta, solo piano piano, la sua morsa. Sta di fatto che le riaperture sono necessarie, con moderazione sì. Ma soprattutto bisogna affidarsi al buon senso delle persone e alla necessità di capire che le norme anti contagio e l’uso delle mascherine devono ancora esser rispettate.

LEGGI ANCHE: Il ritorno della Zona Gialla a partire dal 26 aprile ma non per tutte le Regioni

ROSALIA GIGLIANO

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: redazione@lalucedimaria.it