I 6 consigli imperdibili di papa Francesco alle famiglie…

 Schermata 2015-10-01 alle 02.31.45

Di Luisa Restrepo

Si è da poco conclusa la visita di papa Francesco negli Stati Uniti, nella quale ha partecipato all’Incontro Mondiale delle Famiglie di Philadelphia. Durante la sua visita, il pontefice ha espresso chiaramente l’atteggiamento della Chiesa nei confronti del matrimonio come istituzione, sottolineandone l’importanza in molti dei suoi discorsi, nelle omelie e nella conferenza stampa sul volo di ritorno a Roma (che raccomando di leggere perché sia chiaro il tema del “divorzio cattolico” di cui si è parlato tanto in quest’ultimo periodo). Vi lascio una pista: “(…) il matrimonio è indissolubile quando è sacramento, e questo la Chiesa no, non lo può cambiare. È dottrina. È un sacramento indissolubile”.

Il tema della famiglia è sulla bocca di tutti e ci sono moltissime aspettative al riguardo, in vista del Sinodo della famiglia che si svolgerà a ottobre. Vogliamo anticipare un po’ questa riunione importante presentando alcune delle frasi di maggior rilievo pronunciate dal papa a Philadelphia.

Preghiamo molto per il prossimo Sinodo della famiglia!

1. Dio bussa alle porte della famiglia

“Dio bussa sempre alle porte dei cuori. Gli piace farlo. Gli viene da dentro. Ma sapete quello che gli piace di più? Bussare alle porte delle famiglie. E trovare le famiglie unite, trovare le famiglie che si vogliono bene, trovare le famiglie che fanno crescere i figli e li educano, e che li portano avanti, e che creano una società di bontà, di verità e di bellezza”.

2. La famiglia ha la carta di cittadinanza divina

“Siamo alla festa delle famiglie. La famiglia ha la carta di cittadinanza divina. E’ chiaro? La carta di cittadinanza che ha la famiglia l’ha data Dio perché nel suo seno crescessero sempre più la verità, l’amore e la bellezza. Certo, qualcuno di voi mi può dire: ‘Padre, Lei parla così perché non è sposato. In famiglia ci sono difficoltà. Nelle famiglie discutiamo. Nelle famiglie a volte volano i piatti. Nelle famiglie i figli fanno venire il mal di testa. Non parliamo delle suocere…’. Nelle famiglie sempre, sempre c’è la croce. Sempre. Perché l’amore di Dio, il Figlio di Dio ci ha aperto anche questa via. Ma nelle famiglie, dopo la croce, c’è anche la risurrezione, perché il Figlio di Dio ci ha aperto questa via. Per questo la famiglia è – scusate il termine – una fabbrica di speranza, di speranza di vita e di risurrezione, perché è Dio che ha aperto questa via”.

3. I bambini e i nonni: due aspetti della famiglia che dobbiamo tenere in una considerazione speciale

“I bambini e i giovani sono il futuro, sono la forza, quelli che portano avanti. Sono quelli in cui riponiamo la speranza. I nonni sono la memoria della famiglia. Sono quelli che ci hanno dato la fede, ci hanno trasmesso la fede. Avere cura dei nonni e avere cura dei bambini è la prova di amore, non so se più grande, ma direi più promettente della famiglia, perché promette il futuro. Un popolo che non sa prendersi cura dei bambini e un popolo che non sa prendersi cura dei nonni è un popolo senza futuro, perché non ha la forza e non ha la memoria per andare avanti”.

4. Come la felicità, la santità è sempre legata ai piccoli gesti

 

“’Chiunque vi darà da bere un bicchiere d’acqua nel mio nome – dice Gesù, piccolo gesto – non perderà la sua ricompensa’ (Mc9,41). Sono gesti minimi, che uno impara a casa; gesti di famiglia che si perdono nell’anonimato della quotidianità, ma che rendono ogni giorno diverso dall’altro. Sono gesti di madre, di nonna, di padre, di nonno, di figlio, di fratello. Sono gesti di tenerezza, di affetto, di compassione. Gesti come il piatto caldo di chi aspetta a cenare, come la prima colazione presto di chi sa accompagnare nell’alzarsi all’alba. Sono gesti familiari. E’ la benedizione prima di dormire e l’abbraccio al ritorno da una lunga giornata di lavoro. L’amore si esprime in piccole cose, nell’attenzione ai dettagli di ogni giorno che fanno sì che la vita abbia sempre sapore di casa. La fede cresce quando è vissuta e plasmata dall’amore. Perciò le nostre famiglie, le nostre case sono autentiche Chiese domestiche: sono il luogo adatto in cui la fede diventa vita e la vita cresce nella fede… Come stiamo lavorando per vivere questa logica nelle nostre famiglie e nelle nostre società?”

5. Aprirsi per il bene della famiglia ai miracoli dell’amore

“Magari fossimo tutti profeti! Magari ciascuno di noi si aprisse ai miracoli dell’amore per il bene della propria famiglia e di tutte le famiglie del mondo – e sto parlando di miracoli d’amore –, e per poter così superare lo scandalo di un amore meschino e sfiduciato, chiuso in sé stesso, senza pazienza con gli altri! Vi lascio come domanda, perché ciascuno risponda – perché ho detto la parola ‘impaziente’: a casa mia, si grida o si parla con amore e tenerezza? E’ un buon modo di misurare il nostro amore”.

6. Le famiglie siano profeti della gioia del Vangelo

“Dio conceda a tutti noi di essere profeti della gioia del Vangelo, del Vangelo della famiglia, dell’amore della famiglia, essere profeti come discepoli del Signore, e ci conceda la grazia di essere degni di questa purezza di cuore che non si scandalizza del Vangelo”.