Ecco gli inganni delle unioni civili, che nessuno aveva previsto

 

 

 

La notizia riguardante un settantenne di Schio che ha deciso di “Convogliare a nozze” con un batterista Jazz suo amico per permettere a quest’ultimo di godere della Pensione di reversibilità qualora dovesse morire è già nota. Sembra che i due amici non siano legati da un rapporto omosessuale, ma da un semplice rapporto di amicizia, ciò non toglie che potranno beneficiare della legge sulle unioni civili per godere dei vantaggi inerenti.

 

A confermare che questa unione basata unicamente sugli interessi  è comunque valida è stata la stessa autrice della legge sulle unioni civili, Monica Cirinnà, la quale ha detto con fare superficiale in un intervista: “La legge sulle unioni civili prevede alcune cause impeditive dell’unione, che sono le stesse del matrimonio, come ad esempio se si è fratelli, o consanguinei. Non so se questo sia il caso perché non conosco la vicenda. Ma se non rientrano in questi casi, liberi di fare come credono”.

 

Un caso similare è capitato a Lanzo (Provincia di Torino), un altro settantenne ha deciso di beneficiare della pensione sociale separandosi dalla moglie fittiziamente, scoperto dalla Guardia di Finanza è stato condannato a risarcire lo stato di 110.000 euro.

 

Ora, è chiaro che il secondo caso è un reato ed è giusto punirlo, ma se il fine dichiarato dell’unione civile è quello di permettere ad un amico di beneficiare per altri 20 anni di una pensione non sua non dovrebbe essere anche questo reato? Il caso in specie dimostra come la legge sulle unioni civili non sia un modo per agevolare le coppie gay al matrimonio, ma un mero mezzo per beneficiare di vantaggi economici ai danni dei contribuenti.

 

Questa vicenda apre scenari degradanti e sconcertanti sia da un lato etico perché viene svilito maggiormente il concetto di famiglia, sia da un lato prettamente economico politico visto che la Cirinnà ha dato il suo bene placito affinché un pensionato possa aiutare con un vitalizio un amico a cui deve un favore. Cosa impedirà ai malintenzionati di beneficiare di questa falla legislativa per accaparrarsi la pensione di reversibilità?

 

Per altro, ad ulteriore conferma, sembra che le unioni civili tra gay siano al momento pochissime, dai dati riportati dal ‘Sole 24 ore’ risulta che i matrimoni omosessuali in Italia non raggiungano quota 200 a fronte di una stima approssimativa di coppie gay che convivono stabilmente che va oltre le 7000. Sembra dunque che una legge tesa a favorire le lobby gay abbia avuto per il momento come unico risultato quello di dare la possibilità ai profittatori di truffare lo stato, per tanto sembra d’obbligo chiedere al Governo di rivedere la legge per evitare quantomeno ulteriori truffe.