San Michele è il terrore dei demoni, lo testimonia Giuseppina Berettoni

Un giorno Giuseppina Berrettoni si recò in ospedale per convertire un infermo su richiesta della sorella. San Michele l’accompagnò e pregò con lei.

Foto dal Web

La mistica romana decise sin da bambina che avrebbe passato la vita a portare Gesù tra i cristiani e sostenne di vedere in più occasioni l’Arcangelo.

Chi era Giuseppina Berrettoni

Nata a Roma il 6 agosto del 1875, Giuseppina Berrettoni  era figlia di Cesare Berrettoni e Orsola Marini ed è stata una vera innamorata di Cristo sin dall’infanzia. In uno dei diari che scriveva quando era ancora una bambina, si legge che la sua intenzione era quella di portare Cristo a chi non lo aveva conosciuto. Potrebbe sembrare l’idea di un bambino ancora non cosciente di ciò che è la vita, ma quella decisione presa in tenera età venne suggerita chiaramente da volere di Dio. Intorno agli 8 anni fece voto di castità ed entrò a far parte dell’associazione “Figlie di Maria”.

Leggi anche ->Il Perdono di Assisi: “Dio perdona, senza giudicare”

Crescendo il suo amore per Gesù Cristo divenne sempre più forte e nel corso della sua vita diede aiuto ai bisognosi sia in Italia che in Argentina. Ovunque andasse riusciva a portare la parola di Dio con tanta delicatezza e fermezza da convincere anche il più ostinato peccatore a convertirsi. Non a caso durante le sue estasi mistiche, Giuseppina era solita vedere San Michele Arcangelo, protettore di coloro che vogliono convertirsi al signore con tutto il loro spirito.

Leggi anche ->San Francesco: Gioia della conversione, la riflessione di oggi 6 luglio

La conversione del bestemmiatore

Tra gli episodi che si ricordano di questa serva del Signore, c’è sicuramente quella della conversione del bestemmiatore. Nel 1909 una ragazza si recò da lei per chiederle di far convertire il fratello ricoverato all’ospedale di San Giacomo in Augusta. Giuseppina andò di buona lena, ma il primo giorno sbagliò stanza e si mise a parlare con un anziano in fin di vita, riuscendo ad ottenerne la conversione. Quando venne a conoscenza dell’errore e che la persona da convertire era un giovane non in fin di vita, Giuseppina si recò alla Chiesa di San Giacomo per pregare. A quel punto venne in suo soccorso San Michele, che l’accompagnò in ospedale.

La persona da convertire era un ragazzo dall’aspetto molto giovane, il quale era solito bestemmiare. Giuseppina lo stette ad ascoltare, quindi lo invitò a provare, se  il suo desiderio di conversione era reale, a smettere di bestemmiare, rassicurandolo del fatto che se gliene sfuggiva qualcuna non doveva preoccuparsi. A quel punto guardò San Michele, il quale era fermo in un angolo in atteggiamento di preghiera, e questo acconsentì con il capo.

Devozione a San Michele e conversione

A quel punto gli consiglio di offrire la propria devozione a San Michele, spiegando che l’arcangelo era il protettore di chi voleva tornare al Signore. In un secondo momento aggiunse inoltre: “è potente contro i demoni. Costoro si impegnano principalmente onde siano commessi peccati di bestemmia e d’impurità, perché sono i peggiori”. Infine lo invitò a fare un voto, dicendogli di giurare di preferire la morte prima di commettere un peccato mortale.

A quelle parole il giovane provò paura, ma Giuseppina gli spiego con chiarezza quanto fosse preferibile la morte del corpo alla dannazione dell’anima. Persuaso dalle sue parole, il giovane dunque disse: “Ebbene: faccia Iddio ciò che vuole di me!”. A quel punto San Michele le fece un segno di compiacimento, poiché l’animo del ragazzo era redento.

Segui tutte le nostre News anche attraverso il nuovo servizio di Google News, CLICCA QUI

Luca Scapatello

Fonte: Aleteia

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]