Giornata Mondiale dei poveri, Papa Francesco: “Vincere l’indifferenza ci avvicina a Dio”

Davanti a quattro mila bisognosi provenienti dalle diocesi di Roma, del Lazio, ma anche di Parigi, Lione, Nantes, Varsavia, Cracovia, Malines-Bruxelles e Lussemburgo, Papa Francesco ieri ha inaugurato la prima Giornata Mondiale dei Poveri. Il pontefice è sempre stato molto attento alle esigenze dei più bisognosi ed in questa occasione ha ricordato ai presenti come Dio non ci giudica per ciò che abbiamo ma per ciò che siamo capaci di dare.

Papa Francesco ha voluto evidenziare come dare una mano ai poveri sia un dovere evangelico che riguarda tutti i cattolici, anche quelli che hanno poco da offrire. Per farlo ha citato la parabola dei talenti, nella quale viene sottolineato come ognuno di noi sia stato dotato di un dono particolare che ci rende “Utili” e che può e deve essere messo a servizio dell’umanità intera.

Proprio per via di questi doni che Dio ci ha dato siamo tenuti ad offrire una mano al prossimo perché, dice il Santo Padre: “Non è fedele a Dio chi si preoccupa solo di conservare, di mantenere i tesori del passato… il grande peccato nei confronti dei poveri è l’indifferenza, il “girarsi dall’altra parte quando il fratello è nel bisogno, è sdegnarsi di fronte al male senza far nulla. Ma Dio -aggiunge Papa Francesco- non ci chiederà se avremo avuto giusto sdegno, ma se avremo fatto del bene”.

Il Santo Padre, insomma, vuole far capire ai presenti che il semplice allontanarsi dalle tentazioni e non commettere peccato non è sufficiente per vivere una vita da buon cristiano. Solo quando ci si spende per il nostro prossimo e si divulga quell’amore che è parte principale del messaggio divino, ci si rende conto che l’unica cosa che resta per sempre nella vita è l’amore per il prossimo e per Dio: “Nel povero Gesù bussa al nostro cuore e, assetato, ci domanda amore. Quando vinciamo l’indifferenza e nel nome di Gesù ci spendiamo per i suoi fratelli più piccoli, siamo suoi amici buoni e fedeli, con cui Egli ama intrattenersi”.

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: redazione@lalucedimaria.it