Gesù dopo la Comunione ci parla e ci dice….

Gesù-volto-ostia-calice-sfondo-viola

Dagli scritti di una Mistica

23 febbraio 1949. (dopo la comunione). –

“Tu Mi perdoni di volerti prendere tutta intera?
“IO ho bisogno di ciascuna delle tue facoltà, come se esse fossero necessarie alle Mie facoltà di Uomo.
“Ricordati che IO sono stato Uomo, del genere umano, anche se ero anche Dio.
“Ho anche bisogno di mortificazioni, di disagi, di sofferenza del tuo corpo, come se le Mie non fossero complete, e che IO dovessi aspettare le vostre per operare la salvezza del Mondo.
“Questo è il Mio bisogno di unione, e questo è il Mio Amore.
“Forse non puoi ancora capire … Ma, sappi che il Mio potere si ferma alla vostra volontà.
“Questa è la libertà..che voi veniate a Me, o scappiate da Me.
“Ho detto: “Scappiate”, tanta è la fretta con cui alcuni si allontanano, quando a volte sentono le Mie chiamate.
“Allora, IO non oso tornare per paura … di moltiplicare i loro peccati, IO attendo, perché so attendere il possibile rimorso, nella paura del momento della morte.
“E questo è, figlia Mia, il dolore e la speranza del Giardino dell’Agonia: era venuta la Mia ora.
“Essa è sempre ancora presente agli occhi del Padre che vede insieme tutti i tempi.
“OffriMI, offrendoti.
“IO vi ho offerto,offrendoMi, voi, gli intimi, per i nostri fratelli, i prodighi.
“I vostri fratelli, che voi dovete portare ogni giorno nel vostro amore, come Me.
“IO vi ho portato con la Mia Croce.
“C’era la Croce visibile, del Venerdì Santo. Ma c’era l’invisibile Croce di ogni giorno della mia vita di 33 anni.
“Non avevte voi anche la vostra, Miei cari figli?
“Oh! Queste foreste di croci, spinte verso il cielo con la Mia nel mezzo, nei campi di questa terra di sofferenza, sono, agli occhi del Padre, un appello di grazie per tutti coloro che non credono in Lui. ”