Genitori uccisi a colpi d’ascia dal Figlio, ecco il movenete non ci crederete

Incredibile ma vero finalmente è emerso il movente dell’omicidio dei due coniugi, Salvatore e Nunzia uccisi dal figli sedicenne e da un amico a colpi di ascia in modo barbaro e inumano. sembrerebbe venire da  Facebook la risposta a tutti i quesiti che gli inquirenti si ponevano su quali erano stati realmente i motivi che avevano spinto il sedicenne e il suo degno compare a compiere l’efferato delitto. La cosa che non è normale è l’odio con il quale è stato compiuto il massacro. dai messaggi su fb si evince una relazione omosessuale tra i due assassini osteggiata fortemente dia genitori di Riccardo, questo ha scatenato l’ira funesta dei due .

Come riporta il settimanale Giallo, Nunzia Di Gianni, 45 anni, e il marito Salvatore Vincelli, 58 sarebbero stati uccisi perché contrari ad un amore omessuale tra il figlio e il suo amico. “I coniugi Nunzia e Salvatore Vincelli osteggiavano la relazione omosessuale tra Riccardo e Manuel, potrebbero essere stati uccisi per questo motivo”, riporta il settimanale. Questo dunque potrebbe essere il vero movente dell’ omicidio dei due genitori uccisi a colpi d’ascia il 10 gennaio scorso a Pontelangorino, nel basso Ferrarese. Come noto, la coppia è stata assassinata da Manuel, 17 anni, su esplicita richiesta dell’amico Riccardo, 16 anni, il figlio delle vittime. Un delitto che sembrava non avere un reale movente, ma che grazie alla rivelazione di ‘Giallo’ trova una spiegazione nel particolare rapporto tra i due ragazzi. Tra Riccardo e Manuel, infatti, ci sarebbe qualcosa di più di un’amicizia. La loro relazione non era sfuggita alle due vittime, che si sarebbero dimostrate contrarie. Per questo il figlio avrebbe deciso di eliminarli per sempre. Nei giorni precedenti all’ omicidio, Manuel aveva anche pubblicato un messaggio su Facebook in cui provava a svelare il suo amore segreto per Riccardo. Un messaggio ispirato al testo di una canzone del cantante rap Sac1: “Per sbaglio si sono innamorati”.