Francia: Parroco sgozzato mentre celebrava la Messa.

1877613_prete00

 

Ancora la mano dell’Isis che si allunga sulla Francia e sul mondo Cristiano. stavalto è stato colpita una Chiesa Cattolica e la vittima è un anziano sacerdote che è stato prima fatto ostaggio e poi ucciso sgozzato mentre celebrava la Santa Messa, un caso? secondo noi no. Oggi tornano più che mai di moda le parole di Padre Amorth  che annunciava che dietro il califfato Islamico  ci sia satana.. La Francia ormai è sotto assedio e nessuno si sente più al sicuro, questi attacchi terroristici, non sono episodi sporadici frutto di iniziative di alcuni squilibrati, ma sono il risultato di una strategia ben precisa  studiata a tavolino, programmata in maniera scientifica, infatti gli obiettivi cambiano e anche le modalità e le armi usate. ma la matrice rimane sempre la stessa.

C’è la mano dell’Isis dietro all’orrore andato in scena vicino a Rouen in Francia: a confermarlo il presidente francese Francois Hollande. Due uomini armati di coltelli hanno fatto irruzione durante la messa in una chiesa di Saint-Etienne-du Rouvray al grido di ‘Daesh’ e ‘Allah Akbar’ ed hanno ucciso il parroco – sgozzandolo – dopo averlo preso in ostaggio insieme a due suore e due fedeli. A dare l’allarme é stata un’altra suora, che é riuscita a scappare. Una tv francese sostiene che “uno dei due assalitori era schedato con la lettera S“, quella che indica gli individui potenzialmente radicalizzati a rischio di passare all’azione.

C’è la mano dell’Isis dietro all’orrore andato in scena vicino a Rouen in Francia: a confermarlo il presidente francese Francois Hollande. Due uomini armati di coltelli hanno fatto irruzione durante la messa in una chiesa di Saint-Etienne-du Rouvray al grido di ‘Daesh’ e ‘Allah Akbar’ ed hanno ucciso il parroco – sgozzandolo – dopo averlo preso in ostaggio insieme a due suore e due fedeli. A dare l’allarme é stata un’altra suora, che é riuscita a scappare. Una tv francese sostiene che “uno dei due assalitori era schedato con la lettera S“, quella che indica gli individui potenzialmente radicalizzati a rischio di passare all’azione.