Quaresima: causa Covid, il Papa comunica un doloroso cambiamento

Per il secondo anno consecutivo, Francesco è costretto a una scelta di rinuncia, che riguarda l’inizio della Quaresima.

papa francesco
photo web source

Anche quest’anno, papa Francesco sarà costretto a rinunciare ai suoi esercizi spirituali di inizio Quaresima. Ma mentre l’anno scorso i membri della Curia Romana, si sono ritrovati comunque, questa volta a causa del Covid, gli esercizi non saranno possibili per nessuno. Ma Francesco offre un’alternativa.

Sospeso il ritiro di quaresima del Papa

L’anno scorso fu un banale raffreddore ad impedire a Papa Francesco di partecipare al ritiro. Quest’anno, invece, è stato il Coronavirus e la pandemia che questi ha causato. “Quest’anno non sarà possibile vivere comunitariamente gli Esercizi Spirituali della Curia Romana presso la Casa Divin Maestro in Ariccia” – scrive una nota emanata dalla Sala Stampa Vaticana.

Papa Francesco non potrà condividere con i suoi collaboratori e con i Vescovi e i Cardinali della Curia Romana il particolare momento di intensità spirituale e di fede che li introduce alla Quaresima. Da qualche anno, il Santo Padre aveva scelto la residenza di Ariccia, perché lontano dalla città di Roma. Ciò dava la possibilità di immergersi completamente nello studio e nella meditazione della Parola e del Mistero di Dio.

Il Pontefice: “Dal 21 al 26 febbraio, vi invito a pregare lo stesso, ritirandovi”

Già lo scorso anno, Francesco vi rinunciò a causa di un malanno di stagione, ma la restante parte della Curia, invece, partì per questo ritiro. Oggi, invece, il Covid ha fermato tutti.

Ma il Pontefice ha trovato “una soluzione” per evitare che, in quel periodo, non si disperda la preghiera: “Papa Francesco ha invitato i Cardinali residenti a Roma, i Capi Dicastero e i Superiori della Curia Romana a provvedervi in modo personale, ritirandosi in preghiera, dal pomeriggio di domenica 21 a venerdì 26 febbraio” – conclude la nota.

papa francesco
Il Papa ad Ariccia – photo web source

In quella settimana, infatti, saranno anche sospesi tutti gli impegni del Santo Padre, compresa l’Udienza Generale di mercoledì 24 febbraio.

LEGGI ANCHE: Esercizi spirituali: ritrovare l’unità attorno alla Cena del Signore

La preghiera non si deve interrompere, nemmeno a causa del Coronavirus. Come lo scorso anno, Francesco ci invita a pregare ancora di più, perché Dio ascolti le nostre invocazioni ed allontani, quanto prima, questo virus.

ROSALIA GIGLIANO

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: redazione@lalucedimaria.it