Coronavirus, dott. Balzaretti: “L’epidemia ci insegni l’amore”

    Bellissimo intervento di Franco Balzaretti, vice-presidente dell’Associazione Medici Cattolici italiani: “La fede e l’amore potranno salvare il mondo”.

    coronavirus paura
    Il dottor Franco Balzaretti – sourceweb

    Il dottor Franco Balzaretti è tra i tanti medici impegnati in prima linea nella faticosa lotta al Coronavirus. Nel suo intervento, il medico ci invita a riflettere su diversi aspetti di questa battaglia e, in modo particolare, sugli insegnamenti che essa ha consegnato a tutti gli strati della società. Il Coronavirus, spiega Balzaretti, le cui parole sono state riportate da Alteia, ci insegna l’amore misericordioso e, soprattutto, ci fa ricoprire la fede.

    Franco Balzaretti e la lotta al Coronavirus

    Si tratta di una battaglia molto faticosa quella contro il Coronavirus. Il dottor Franco Balzaretti, vice-presidente dell’Associazione Medici Cattolici italiani lo sa bene, dal momento che è in prima linea negli ospedali. Ma il dottore ha tenuto a precisare una cosa: “Non siamo eroi, siamo professionisti preparati e seri, che amano il proprio lavoro”. Ciò che medici e operatori sanitari in generale chiedono in questo momento, è la possibilità di operare con tutti i mezzi necessari, al fine di curare e assistere gli ammalati.

    Segnali di indifferenza

    Citando alcuni passi dell’opera manzoniana, dove veniva trattata la peste del Seicento, il dottor Franco Balzaretti ha voluto offrire alcuni parallelismi. Se è vero che da quell’epidemia praticamente tutto è cambiato, a partire dai progressi della scienza, ciò che non è mutato è l’atteggiamento delle persone. C’è chi minimizza, dice il dottore, chi cerca gli untori, chi punta il dito. Eppure, questa pandemia deve insegnarci alcuni valori importanti.

    L’insegnamento dell’epidemia

    Nei passaggi finali del suo intervento, il professor Balzaretti offre alcuni spunti di riflessione per tutti, facendo riferimento a quanto l’epidemia del Coronavirus può insegnare a tutti noi. “Questa epidemia – sostiene il dottore – deve insegnarci un qualcosa di importante. L’esperienza deve suscitare in noi un nuovo stile di vita, improntato su un atteggiamento di amore solidale verso il prossimo”. Il dottore parla di amore, già, perché se da una parte tra i libri viene citato il celebre romanzo manzoniano, dall’altra viene citato il Vangelo. Negli ospedali, infatti si riscrive ogni giorno la parabola del Buon Samaritano, con innumerevoli gesti di amore misericordioso.

    La fede

    Franco Balzaretti ci invita a riflettere su un altro aspetto. Questa esperienza, che ha colpito tutto il mondo, ha suscitato, in ogni dove, un grande desiderio di fede, una grande voglia di pregare e di affidare le nostre paure a Gesù. Tutti, chi più chi meno, si sono fermati a guardare gli eventi religiosi in televisione o sugli smartphone e così tutti noi ci siamo abbandonati alla fede, facendoci commuovere dalle immagini di una San Pietro Vuota, durante la benedizione di Papa Francesco. Saranno l’amore e la fede a salvarci.

    Leggi anche: Coronavirus, carità: rinuncia all’affitto e gli compra i viveri

    Fabio Amicosante

    Segui tutte le nostre News anche attraverso il nuovo servizio di Google News, CLICCA QUI

     

     

    La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]