Donna, 35 anni, stuprata e bruciata viva!

 

Donna, 35 anni, stuprata e bruciata viva!
Violenza sulle donne                

Donna, 35 anni, stuprata e brucata viva: è accaduto in India, dove le nostre coetanee (e non solo) vengono davvero sopraffatte ad ogni pretesto. Che si tratti di un Paese lontano, non rende meno grave il fatto, anzi dovrebbe allertare il mondo intero, che non salva mai le vittime di uomini senza cuore e morale.Nello Stato dell’Uttar Pradesh (India), due uomini sono stati fermati per questo ennesimo orrendo crimine, ma altri tre sono ancora in fuga.

Lei, la vittima, era una donna di 35 anni e madre di due bambini. E’ stata violentata da un gruppo di uomini meschini, che poi l’ha portata in un Tempio indù, per bruciarla.
Ora, il capo della Polizia del posto, Radhey Mohan Bhardwaj, specifica che i cinque uomini coinvolti e la donna appartenevano alla stessa famiglia e che, quelli, fossero infastiditi dal suo comportamento.

La donna, prima di spirare, è riuscita a telefonare al marito e a dargli i nomi dei suoi assassini.
Pare che in India gli uomini risolvano così le loro faccende: usando violenza e appiccando, poi, il fioco per cancellare le tracce del misfatto.
Purtroppo, spesso sono i parenti delle vittime a compiere questi atti e le donne, tante volte, sono minorenni.

Non dimentichiamo il caso di , la bambina di 8 anni, violentata dal branco e uccisa di botte, perché appartenente ad una famiglia di pastori nomadi musulmani.
Fu una vicenda molto discussa, che portò all’arresto di 8 persone, tra cui un ex ufficiale governativo e qualche agente di polizia, addirittura.
Assurdo pensare che Asifa, in effetti, sia stata sacrificata per spaventare i pastori nomadi e indurli a lasciare quella Regione.

Nonostante il Governo stia aumentando la pena per crimini del genere, nel 2016, in India, si sono registrati 50 stupri al giorno, senza considerare quelli non denunciati. Molte vittime, il 40% circa, non raggiungevano la maggiore età.

Antonella Sanicanti