Domenica delle Palme di sangue: attentato davanti a una chiesa

Sembra che siano due i kamikaze morti dopo essersi lanciati con una motocicletta carica di esplosivo contro la cattedrale cattolica.

Indonesian police stand guard outside a church after an explosion in Makassar on March 28, 2021. (Photo by INDRA ABRIYANTO / AFP) (Photo by INDRA ABRIYANTO/AFP via Getty Images)

Le uniche due vittime sono i due attentatori kamikaze, scagliatisi con una motocicletta carica di esplosiva, contro i fedeli al momento dell’uscita dalla messa.

Neanche quest’anno la Settimana Santa è stata esentata dal sangue provocato dall’odio anticristiano.

Secondo fonti della polizia indonesiana, i due terroristi stavano cercando di raggiungere il compound della cattedrale. “La motocicletta è rimasta distrutta e ci sono resti umani che stiamo ancora raccogliendo nel tentativo di identificare il sesso degli attentatori”, ha aggiunto il portavoce della polizia.

“Pugno di ferro” del presidente indonesiano

Ferma condanna” è stata espressa dal presidente indonesiano, Joko Widodo, che ha invitato i cittadini a “mantenere la calma”, promettendo “la sicurezza dei fedeli” da parte dello Stato. Il presidente ha quindi ordinato al capo della polizia di “indagare a fondo sull’organizzazione dei sospetti e di smascherarla fino alle sue radici”.

Il terrorismo è un crimine contro l’umanità e non ha nulla a che fare con nessuna religione”, ha proseguito Widodo. Il capo dello Stato ha sottolineato che “tutti gli insegnamenti religiosi rifiutano il terrorismo a qualsiasi titolo”.

Il cordoglio del Papa

Non è la prima volta che i cristiani finiscono nel mirino dei terroristi islamici in Indonesia. Già nel maggio 2018, un attentato contro tre chiese nell’isola di Giava provocò tredici vittime: la strage fu rivendicata dall’Isis. L’episodio più tragico nel paese asiatico avvenne nel 2002 a Bali, con 202 morti.

Una richiesta di “preghiera per tutte le vittime della violenza”, in particolare per quelle dell’attentato alla Cattedrale di Makassar, è stata diffusa oggi da papa Francesco, al termine dell’Angelus. [L.M.]

 

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: redazione@lalucedimaria.it