Dal Paradiso, i nostri cari ci aiutano? La vita dopo la morte

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:44

E’ una delle domande che molti si pongono: dopo la loro morte, un nostro caro continua a guardarci e a guidarci dal cielo? Sono e saranno sempre con noi?

paradiso defunti

Pensare che un nostro caro defunto non ci abbandona mai, ci fa sentire meno la sua mancanza. Come alleviare la sofferenza.

I nostri defunti ci guardano dal Paradiso

Il pensiero della perdita di una persona cara può portarci a soffrire, a non sentirne più la sua vicinanza, a domandarci perché Dio ha deciso di portarlo via da noi così velocemente. Ma quello che spesso ci chiediamo è: quando muore qualcuno, adesso ci vede dal Paradiso?

Tanti sono i cristiani che si pongono questa domanda. “Vorrei sapere cosa dice in proposito la Chiesa: è vero che i defunti possono seguire, dal cielo, le vicende umane e partecipare, in qualche modo, ai dolori e alle gioie delle persone?”.

“Mantenere una relazione con loro”

Un sacerdote risponde a questo interrogativo: “E’ una domanda che apre a risvolti che toccano corde sensibili e sofferte. La possibilità desiderata di mantenere una qualche relazione con i defunti che erano cari al nostro cuore diventa acuta tanto più forte era il legame che ci univa. Sulla realtà dei defunti la fede cristiana affonda le radici nell’esperienza religiosa del popolo d’Israele”.

Sin dall’inizio dei tempi, molti furono gli uomini che si posero questa domanda: “L’attenzione è tutta rivolta alla vita terrena dell’uomo, l’unica della quale si abbia esperienza; oltre la morte tutto è oscuro, è scritto nel Libro di Giobbe. […] L’idea di una sopravvivenza o, per essere precisi, di una vita rinnovata oltre la morte si affaccia parzialmente nella fede d’Israele alle soglie dell’era cristiana.

Alcune scuole di pensiero, come quella dei farisei, propendono per una risurrezione dai morti, come testimoniano i passi del Vangelo di Matteo. Sul versante della fede cristiana è decisiva l’esperienza dei discepoli di Gesù, che hanno visto e incontrato vivo quel Gesù che avevano riconosciuto come maestro e visto morire sulla croce. Il Risorto appare loro, si comunica in un’esperienza umana unica, della quale si sentono chiamati ad essere testimoni per il mondo intero”.

paradiso resurrezione

Il Paradiso per i nostri defunti: la promessa di Gesù

Come si apre il Paradiso per un nostro caro defunto? “La parola entrata nel linguaggio comune è «paradiso», che ha un valore evangelico perché la troviamo nella promessa fatta da Gesù al cosiddetto buon ladrone: «Oggi sarai con me nel paradiso» (Lc 23,43). […] Questa promessa è per ognuno di noi, se ci lasciamo coinvolgere dal Vangelo di Gesù: la comunione di vita definitiva e fondamentale è con lui, il Risorto dai morti.

La comunione perfetta con i nostri cari è in Cristo e si realizzerà nella compiutezza del Regno, quando Dio sarà tutto in tutti. Nell’attesa di questa comune beata speranza, la Chiesa crede in una comunione che ci accomuna anche con coloro che sono già morti in Cristo e continuano a compiere con gioia la volontà di Dio in rapporto agli uomini e all’intera creazione”.

I nostri defunti ci guidano

I nostri defunti ci guardano e ci proteggono dal Paradiso: “Questo è certo. Abbiamo bisogno di parole che siano espressive della nostra esperienza. Al tempo stesso dobbiamo riconoscere come oltre la morte si apre una realtà misteriosa che è oggetto di fede e speranza. Il vero paradiso è nella comunione con Cristo” – conclude il sacerdote.

La vita oltre la morte è piena solo se si ha davvero fede in Cristo.

ROSALIA GIGLIANO

Fonte: toscanaoggi.it

Segui tutte le nostre News anche attraverso il nuovo servizio di Google News, CLICCA QUI

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]