Il grido d’aiuto dei parroci, la pandemia e la crisi delle parrocchie

Il Covid, il lockdown e la crisi economica: tre elementi che non attanagliano solo i cittadini, ma anche la Chiesa, che chiede aiuto. 

covid, il grido di aiuto dei parroci
photo web source

Poche persone in chiesa per paura degli assembramenti, poche entrate dalle offerte. Anche la Chiesa comincia a risentire della crisi economica portata avanti, anche, dalla pandemia.

Covid: anche la Chiesa è in difficoltà

Una situazione non facile quella che, anche, le singole parrocchie sono costrette ad affrontare durante questo periodo di crisi e di pandemia da Coronavirus. Le persone, per paura del contagio, sono sempre di meno in chiesa e, di conseguenza, anche le offerte tendono a diminuire. Come fare ad arginare questa situazione così complessa e difficile?

I bilanci delle singole parrocchie sono in sofferenza, specialmente nei paesini più sperduti e lontani dalle grandi città. Un caso particolare sono alcune parrocchie di 3 paesini in Friuli: Fagagna, Ciconicco e Villalta. Tre paesini con una parrocchia ciascuno. Circa 6000 anime guidate da Monsignor Adriano Caneva di 87 anni.

Il grido d’aiuto dei parroci dei piccoli paesini

Ho già usato i miei risparmi per pagare i debiti” – ha dichiarato il Monsignore. Ma non è il solo a lanciare questo grido d’aiuto: “Le offerte dei fedeli in parrocchia sono calate del 30%, abbiamo dei problemi per le spese, i soldi sono sempre meno e la gestione è sempre la stessa” – dichiara Don Claudio Gatti, parroco della concattedrale del Duomo di Rovigo.

covid 1
photo web source

Covid e Decreti: cosa spetterebbe alla Chiesa?

Ma ci domandiamo: nei vari decreti emanati dal Governo per “ristorare e finanziare” gli enti in difficoltà durante il periodo di Coronavirus, le piccole chiese non sono contemplate?

Parrocchie e gli altri enti religiosi civilmente riconosciuti (diocesi, istituti religiosi, Caritas diocesane…) rientrano tra coloro a favore dei quali è possibile ottenere un finanziamento agevolato in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19, comprese le misure finalizzate a misure urgenti di solidarietà alimentare, come ha chiarito l’Agenzia delle entrate.

covid 2
photo web source

Ma la situazione non è, sempre, così facile e semplice. Non si tratta solo di “sostegno alimentare” alle famiglie più bisognose durante o meno il periodo di pandemia, ma è soprattutto il sostegno economico delle singole parrocchie (con tutte le relative sue utenze) che viene, piano piano a scarseggiare. Da qui il grido d’aiuto dei parroci.

ROSALIA GIGLIANO

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]