Coronavirus – Marko: Infettiamo i piloti della Formula 1

    Coronavirus: l’ultima folle idea lanciata da Helmut Marko, boss della Red Bull fa riflettere su quanto a volte, si dia più importanza al portafogli che alla salute.

    Coronavirus infettare pilotiF1

    Seppur il boss della scuderia anglo-austriaca non sia nuovo a uscite quanto meno shock, l’ultima proposta avanzata in merito all’emergenza Coronavirus fa veramente discutere.

    Helmut Marko, boss del team Redbull di Formula 1, ha lanciato la proposta, fortunatamente non presa in considerazione, di organizzare un Camp per far infettare tutti i piloti della scuderia, rendendoli così immuni e pronti per l’inizio del Mondiale. Come riporta l’agenzia di informazione Adnkronos, Marko ha lanciato l’idea nel contesto di un’intervista con Orf, emittente austriaca.

    Helmut Marko e l’ultima folle idea sul Coronavirus

    Nel contesto della sua intervista presso Orf, Marko ha enunciato quella che secondo lui sarebbe la miglior soluzione per abbattere il CoVid-19, quanto meno per i piloti della sua scuderia. La sua idea di organizzare un Camp, per riempire questo “tempo morto” in cui non si gareggia, preparerebbe i piloti al meglio da un punto di vista sia fisico che mentale. Non solo, le parole di Marko, riportate anche da Repubblica, parlano anche di questo periodo come il migliore per contrarre il virus, in modo tale da farsi trovare pronti quando si ricomincerà.

    Cosa conta veramente?

    Viene dunque da chiedersi se per il boss della scuderia Redbull sia più importante la ripresa del Mondiale, oppure la salute delle persone. L’idea di Helmut è quella di far infettare da questo terribile nemico i giovani ragazzi dei vari team al fine di renderli “immuni”, senza, tra l’altro, alcuna prova scientifica a riguardo. Il manager, nel suo folle discorso, ha parlato di tutti coloro che sarebbero dovuti essere coinvolti nell’esperimento. Infatti, come riporta Adnkronos, Marko ha detto: “Abbiamo quattro piloti di Formula 1 e 8-10 giovani piloti” e questo, secondo lui è il momento migliore per farli infettare.

     

    Togliamo le pietre

    A tal proposito, è doveroso richiamare alcuni dei passi che Papa Francesco ci ha donato domenica scorsa, quando in merito alla sofferenza dell’uomo causata dal Coronavirus, ha annunciato a tutti: “togliamo le pietre”, che rappresentano tutto ciò sa di morte. Il Signore chiede ad ognuno di noi di togliere dal cuore queste pietre.

    Chi accoglie questo messaggio entra in contatto con la vita. La speranza è che tutti possano accogliere il messaggio del Santo Padre, rispettando la vita e la salute di tutti. Solo così si può alimentare la speranza di uscire il prima possibile da questo stato di emergenza, avendo cura del prossimo.

    Potrebbe interessarti anche: Coronavirus: la risposta silenziosa della Chiesa non si ferma

    Fabio Amicosante

    Segui tutte le nostre News anche attraverso il nuovo servizio di Google News, CLICCA QUI

     

    La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: redazione@lalucedimaria.it