Coronavirus: isolato il San Raffaele di Rocca di Papa, situazione critica

    In seguito al recente bilancio di 4 morti e 86 pazienti positivi, la Regione Lazio ha deciso di isolare la struttura San Raffaele del comune di Rocca di Papa.

    (Websource/ Archivio)

    Sia i pazienti che gli operatori sanitari sono invitati a rispettare un periodo di quarantena, alla struttura, in casa o in albergo, fino al 28 aprile.

    Pericolo focolaio a Rocca di Papa

    Nei giorni scorsi è emerso il rischio di un nuovo focolaio a Rocca di Papa, Comune di 17 mila abitanti circa facente parte della Città Metropolitana di Roma. Lo stato d’emergenza è stato attivato quando nella casa di cura San Raffaele sono emersi i primi casi di contagio. Alcuni degli ospiti, infatti, hanno sviluppato i classici sintomi del Covid 19 e sono deceduti poco tempo dopo. Così tutti gli ospiti ed il personale si sono sottoposti al test del tampone dal quale è risultato che ben 86 persone sono positive. Nel contempo il bilancio delle vittime è salito a 4.

    Leggi anche ->Palermo: maltrattati nella casa di riposo. Video smaschera 6 aguzzini

    Data la situazione di pericolo nelle scorse ore il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti ha firmato un’ordinanza con la quale si predispone l’isolamento totale della struttura e di tutte le persone che vi si sono recate in questi giorni. Per evitare che qualcuno decida di uscire dalla struttura verrà formato un cordone sanitario e verranno controllate le tre uscite. L’ordinanza prevede che il periodo di isolamento duri sino al 28 aprile.

    Leggi anche ->Coronavirus: Epidemia colposa, la Guardia di Finanza perquisisce il Pio Albergo Trivulzio

    San Raffaele: in isolamento pazienti e operatori sanitari

    L’ordinanza firmata dal Governatore della Regione Lazio prevede che sia impedito perentoriamente l’accesso a chiunque. L’unica eccezione riguarderà i fornitori e gli operatori, i quali in ogni caso dovranno sottostare a delle regole: contingentamento all’ingresso, controllo giornaliero tramite termoscanner e saturimetro.

    Per il personale della struttura, inoltre, si prevede che una volta lasciata la struttura si rechino solamente a casa. Qualora nell’abitazione non avessero spazio sufficiente per rispettare il distanziamento sociale e non potessero rimanere in struttura, potranno usufruire di una camere d’albergo nelle strutture limitrofe alla casa di risposo.

    Segui tutte le nostre News anche attraverso il nuovo servizio di Google News, CLICCA QUI

    Luca Scapatello

    La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]