Coronavirus: 1° maggio, affidamento dell’Italia a Maria e San Giuseppe

La Chiesa italiana venerdì 1° maggio alle ore 21, affida il Paese colpito dal Coronavirus alla protezione della Madonna e di San Giuseppe  

Il 1° maggio 2020 atto di affidamento della Chiesa italiana alla Madonna di Caravaggio per il Coronavirus

Il momento di preghiera si terrà nella basilica di Santa Maria del Fonte presso Caravaggio. La notizia è stata diffusa dalla pagina Facebook ufficiale della “CEI – Conferenza Episcopale Italiana”. Da evidenziare sia la scelta della data che del luogo, estremamente significativa.

Luogo e data significativi per l’atto di protezione dal Coronavirus

Maggio è, infatti, il mese tradizionalmente dedicato alla Madonna: scandito dalla preghiera del Rosario, dai pellegrinaggi ai santuari mariani, e dal bisogno di rivolgersi con maggiore intensità all’intercessione della Vergine. Iniziare questo mese con l’Atto di Affidamento a Maria, nella situazione attuale di crisi per il Coronavirus,  acquista un significato molto particolare per tutta l’Italia.

E poi il luogo, Caravaggio, situato nella diocesi di Cremona e provincia di Bergamo che è stata duramente colpita dalla sofferenza. Lì dov’è il più alto numero di morti a causa del Coronavirus, una terra duramente provata dall’emergenza sanitaria. Alla protezione della Madonna, la Chiesa affida soprattutto i malati, gli operatori sanitari e i medici, le famiglie, e  i defunti.

Caravaggio Santuario - interna

Breve storia dell’apparizione della Vergine a Caravaggio

Era il tardo pomeriggio del 26 maggio 1432 quando la Madonna apparve a Giovannetta, o Giannetta, una giovane di 32 anni, sposa poco felice di Francesco Varoli. L’apparizione della Madonna avviene in un momento difficile per la gente di Caravaggio che viveva al confine fra due Stati: Venezia e Milano. Quelle terre erano crocevia di saccheggi, di lotte sanguinose, di scorribande di compagnie di ventura.

Entrarne in possesso significava controllare in campo militare ed economico le popolazioni bergamasche e cremonesi. Solo sotto il dominio degli Sforza Caravaggio conosce un periodo di relativa pace. Rimarrà Stato di Milano fino all’unità  d’Italia, passando alla provincia di Bergamo nel 1861. Da quel lontano 1432 i pellegrini fanno di Caravaggio una delle mete spirituale più frequentate in Italia. Qui giunse anche Giovanni Paolo II, era il giugno 1992.

comunicato CEI - INTERNA

 

 

Inoltre in occasione della festa del 1° maggio 2020 dedicata a San Giuseppe lavoratore, la Chiesa affida i lavoratori, consapevole delle preoccupazioni e dei timori con cui tanti guardano al prossimo futuro.

Simona Amabene 

@Riproduzione riservata

La dichiarazione del Cardinal Bassetti – VIDEO

Segui tutte le nostre News anche attraverso il nuovo servizio di Google News, CLICCA QUI

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: redazione@lalucedimaria.it