Commento alla Parola di oggi: “Beato il grembo che ti ha portato”

“Beato il grembo che ti ha portato e il seno che ti ha allattato!”. Questa la Parola del Signore di oggi tratta dal Vangelo secondo Luca.

Il Vangelo di oggi ci dice

Beata è sicuramente la Madonna, grazie alla quale è nato Gesù Cristo. Ma il Messia sottolinea come siano beati tutti coloro che osservano la Parola di Dio.

Il passo di oggi ci racconta di un episodio avvenuto durante una delle tante orazioni tenute da Gesù in pubblico. Il popolo lo ascoltava pendendo dalle sue labbra ed una donna, più riconoscente di altre per la sua presenza e per le sue parole, si alzò in piedi per dire che era beato il grembo che l’aveva generato, sua madre. Il Cristo, sentendo quelle belle parole, rispose che erano beati piuttosto coloro i quali ascoltavano la Parola di Dio e la mettevano in pratica.

Dal Vangelo secondo Luca (11, 27-28)

In quel tempo, mentre Gesù parlava, una donna dalla folla alzò la voce e gli disse: «Beato il grembo che ti ha portato e il seno che ti ha allattato!».

Ma egli disse: «Beati piuttosto coloro che ascoltano la parola di Dio e la osservano!».

Commento alla Parola di oggi

La Parola di oggi ci porta a riflettere su un concetto centrante della fede cattolica e cristiana in generale: l’importanza della testimonianza. Chiunque sia in grado di farsi portatore di Gesù, infatti, è irradiato da una luce particolare. Il Santo Padre, in un omelia del 2017, commentando questo passo dice che è possibile riconoscere queste persone da diversi particolari. Quali? Dalla luce che custodiscono negli occhi, dalla serenità che mantengono anche nei periodi più duri e dal desiderio di amare il prossimo in qualsiasi condizione si trovino. Questo perché il fedele è portatore di speranza sin da quando viene sottoposto al battesimo, la speranza che ci ha donato Cristo con il suo sacrificio.

Luca Scapatello

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]