Celebrazioni esequie: nuovi importanti aggiornamenti dalla Cei

Cei: a seguito dell’incontro con il Comitato tecnico scientifico, arrivano nuovi aggiornamenti sulle celebrazioni delle esequie.

Celebrazione Santa Messa
Celebrazione Santa Messa (photo Gettyimages)

Superato un complesso nodo organizzativo: non sarà più necessario munirsi di strumenti per la rilevazione della temperatura corporea, prima della partecipazione alle celebrazioni delle esequie. L’annuncio è arrivato direttamente dalla Cei, a seguito dell’incontro con i membri del Comitato tecnico scientifico. Come riporta l’agenzia di informazione Sir, con l’importante aggiornamento sulle disposizioni in vigore per la “fase 2” si dà una concreta risposta alla complessità, per tutte le parrocchie, di far fronte alla precedente richiesta.

Celebrazioni delle esequie: la Cei annuncia novità

L’importante aggiornamento è arrivato nei giorni scorsi. Attraverso esso, si invitano, naturalmente, tutti i parroci a sensibilizzare tutti i fedeli a porre massima attenzione, al fine di evitare eventuali contagi. Non sarà dunque necessario munirsi di strumenti per la misurazione della temperatura e, a fronte di ciò, la richiesta è quella di rimanere a casa se si accusano sintomi riconducibili al Covid. Stesso discorso per tutti coloro che presentano una temperatura superiore ai 37,5°: la richiesta è di rimanere nella propria abitazione.

Un’oggettiva complessità

La richiesta di misurazione della temperatura corporea prima dell’accesso in Chiesa per le celebrazioni delle esequie aveva rappresentato già un’oggettiva complessità di esecuzione. Questo, come riporta l’agenzia Sir, era stato già espresso nella nota complementare inviata al Ministero dell’Interno, poche ore dopo l’uscita delle nuove disposizioni. A fronte di ciò, ci sono stati importanti aggiornamenti, rilasciati nella giornata di sabato 2 maggio.

Messa
Nuove importanti novità per la celebrazione delle esequie (photo Gettyimages)

Le nuove disposizioni

Come leggiamo dalla fonte, c’è dunque stata una nuova riunione, con i membri del Comitato tecnico scientifico, dove si è tornato a parlare dell’effettiva complessità delle precedenti richieste, riguardanti le celebrazioni delle esequie. Si farà dunque leva sulla responsabilità di ogni fedele, dal momento che il dramma pandemico ha di fatto modificato i comportamenti sociali. Tutti sono al corrente del pericolo che si corre se si sottovalutano le misure che tutelano la salute pubblica e questo deve essere un vincolo importante per la ripresa delle celebrazioni. Come riporta Sir, il Segretario Generale ha immediatamente condiviso l’aggiornamento sulle celebrazioni delle esequie a tutti i Vescovi, al termine della riunione.

Leggi anche: Coronavirus, finisce la fase uno. Come abbiamo speso il nostro tempo?

Fabio Amicosante

Segui tutte le nostre News anche attraverso il nuovo servizio di Google News, CLICCA QUI

 

 

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]