Il Cardinale e il braccialetto di Medjugorje

In questi giorni, per dovere di cronaca, il nome del Cardinale George Pell è finito su tutti i mezzi di stampa italiani ed internazionali. Il tesoriere del Vaticano ha subito una pesante accusa ed è stato condannato dal tribunale di Melbourne in base ad un cospicuo numero di querele giunte alla polizia di Victoria (Australia): parrebbe che il Cardinale, durante il suo periodo di sacerdozio a Ballarat, si sia macchiato di “Crimini sessuali” ai danni di minori.

Il Cardinale si è difeso dicendo che si tratta di un accanimento nei suoi confronti poiché anni addietro era stato criticato per aver difeso alcuni parroci pedofili, laddove la difesa era un semplice invito a non condannare senza prove. Ciò nonostante è giunta la condanna e nei prossimi giorni il Monsignor Pell sarà costretto a difendersi in tribunale.

Sul Cardinale c’è un curioso aneddoto raccontato sulle pagine di ‘Cristiani Today’ da Andrea Pagnini. Il giornalista spiega di aver avuto l’occasione di incontrarlo durante un meeting di CL (Comunione e Liberazione) tenutosi a Rimini il 22 agosto del 2015. In quella occasione il Cardinale aveva il compito di mostrare i risultati della politica di Papa Francesco sulle casse Vaticane e dimostrare come la sua opera avesse ridotto le spese di tutta la Chiesa.

Pagnini, prima di continuare, aggiunge una postilla riguardante un accadimento che gli era capitato qualche anno prima: un suo amico gli aveva portato un braccialetto da Mdejugorje dicendogli che era stato benedetto dalla Madonna e che presto avrebbe capito a chi darlo. Quindi spiega che sapendo che al meeting ci sarebbe stato il Cardinale, pensò che si trattasse di un segno e decise di portarlo per donarlo a lui.

Finita la conferenza, il nostro protagonista si avvicina al Cardinale e gli dice di volergli donare il braccialetto, lui con fare sprezzante lo allontana e risponde che non può ricevere regali. Così, il fedele animato di buone intenzioni si torna a sedere trattenendo a stento le lacrime e chiedendo alla Madonna come mai lo avesse fatto andare li. Poco dopo gli si avvicina George Pell e gli dice: “Ragazzo, dov’è quel braccialetto, dammelo!”. Pagnini gli diede il braccialetto e gli disse: “Eminenza lo tenga sempre con se, viene da Medjugorje, lo ha Benedetto la Madonna “.

A questo punto il Cardinale chiese al ragazzo di fare una preghiera per lui, questo acconsentì e lui gli ripeté “Prega per me”. Allontanato da una guardia del corpo Pell si girò una sola volta con un pugno chiuso in aria, come a voler ribadire il concetto. Già allora George Pell sentiva che sarebbero arrivati momenti difficili e che avrebbe avuto bisogno dell’aiuto della Madonna e di quello delle preghiere dei fedeli, ma sopratutto che la Madonna era a conoscenza di quello che gli sarebbe capitato ed ha voluto dargli un segno. Mai come oggi, infatti, il Cardinale ha bisogno delle preghiere di tutti affinché la verità possa venire fuori.