Bud Spencer: Ecco con chi mangerei il mio ultimo piatto di spaghetti.

bud-spencer

Carlo Pedersoli, alias Bud Spencer, ancora straordinariamente popolare e amato in Germania, è stato intervistato domenica scorsa dal Welt am Sonntag. Una lunga e bella intervista che ha preso spunto dal suo ultimo libro.

Riportiamo alcuni passi del colloquio:

[…] «La morte non mi fa paura. Perché credo che non si muoia veramente. Le anime di coloro che sono morti rivivono e testimoniano la verità dell’universo. Per cui vedo il tutto con la più grande tranquillità. La vita non è nelle nostre mani. Prima o poi ci presenteremo di fronte al Padreterno, che sia quello cristiano o quello islamico. Non si può sfuggire. Da quando siamo nati, siamo in viaggio verso la morte».

Hai quasi 86 anni. Come ti presenterai di fronte alla morte?

«Con dignità. Questa è la parola decisiva, la ripeto spesso. Devo avere questa dignità, nella vita. E quando arriverà il giudizio. Devo andare incontro alla morte con dignità».

[…]

Nei tuoi film sei stato un mangione. Ora pubblichi un libro dal titolo “Quello che vi volevo ancora dire…”. Si può mangiare anche la saggezza a cucchiaiate?

«Non si tratta di saggezza, ma di devozione».

In che senso?

«Nella mia vecchiaia avanzata ho bisogno della religione più che mai. Ho bisogno della fede. Credo in Dio, è ciò che mi salva. E prego. Perché? Perché riconoscono in modo sempre più forte come sia nulla ciò a cui prima attribuivo un grande valore. Lo sport, dove volevo affermarmi, la popolarità. Chi si inorgoglisce per queste cose, chi insegue solo il successo, la fama, è un idiota».

[…]

Credi quindi in una vita dopo la morte?

«Assolutamente sì. C’è».

Come immagini il tuo ultimo pasto prima della morte e con chi lo condivideresti?

«Spaghetti. Con Gesù Cristo».

Fonte: itempi.it