Breve riflessione sulla prima lettura del giorno 31-08-17

Pillola del giorno giovedì 31-08-17

1Tes 3,7-13
E perciò, fratelli, in mezzo a tutte le nostre necessità e tribolazioni, ci sentiamo consolati a vostro riguardo, a motivo della vostra fede. Ora, sì, ci sentiamo rivivere, se rimanete saldi nel Signore. Quale ringraziamento possiamo rendere a Dio riguardo a voi, per tutta la gioia che proviamo a causa vostra davanti al nostro Dio, noi che con viva insistenza, notte e giorno, chiediamo di poter vedere il vostro volto e completare ciò che manca alla vostra fede? Voglia Dio stesso, Padre nostro, e il Signore nostro Gesù guidare il nostro cammino verso di voi! Il Signore vi faccia crescere e sovrabbondare nell’amore fra voi e verso tutti, come sovrabbonda il nostro per voi, per rendere saldi i vostri cuori e irreprensibili nella santità, davanti a Dio e Padre nostro, alla venuta del Signore nostro Gesù con tutti i suoi santi.

Ecco un bel tracciato della vera comunità cristiana: compaginata nell’amore, in crescita nell’amore, aperta all’amore verso tutti, traboccante d’amore all’esterno. È l’amore che purifica e fortifica i cuori, li prepara all’incontro col Signore e con tutti i suoi santi. La parusia non è l’andare ddell’uomo verso Dio. È il venire di Dio all’uomo, in Gesù, per assumerlo, con tutti i suoi santi nella gloria. Ma in attesa della venuta ci vuole vigilanza…
E come dice bene Esichio, un padre della Chiesa: “La vigilanza è il costante silenzio del cuore che, libero da tutti i pensieri, costantemente e senza interruzione, respira e invoca Gesù Cristo figlio di Dio, e combatte i nemici affermando con fede che Lui solo ha il potere di perdonare i peccati. Con la continua invocazione si abbraccia Cristo, che cerca soltanto il cuore.”.

Sono incardinato, nell’amore di Cristo, alla comunità dei cristiani? Amo e mi apro all’amore senza remore e senza interruzione? Sono vigilante e costantemente legato al mio Signore, ogni giorno e ogni notte?