Oggi 1° marzo: Beato Cristoforo da Milano, il suo carisma cambiò la vita di molti

Il Beato Cristoforo da Milano ebbe la forza di andare contro la corrente del suo tempo per portare a tutti la Parola, l’unica capace di donare vera luce all’umanità.

Beato Cristoforo da Milano
Beato Cristoforo da Milano – photo web source

Quando nel pieno dell’Europa, e in particolare in Italia, sorgeva l’epoca dell’umanesimo, si consumò purtroppo anche il dramma della sostituzione di Dio con l’uomo. Invece della Rivelazione che Cristo ha donato all’umanità, si è preferito mettere al centro la supponenza e l’egoismo umano. In una parola, il peccato, quando non proprio l’eresia gnostica.

Cristoforo capì che non doveva seguire la massa

In questa epoca nacque Cristoforo, che al contrario del resto della massa, come ad esempio di tutti i suoi compagni, fu preso fin da subito dall’amore per Gesù. Entrò così nell’Ordine Domenicano, nel Convento milanese di Sant’Eustorgio. Studia la Summa Teologica di San Tommaso d’Aquino, e da lì capisce la missione che lo caratterizzerà per tutta la vita. Portare Gesù a tutta l’umanità. Proprio mentre tutti cominciavano drammaticamente a negarlo.

La personalità di Cristoforo è quella di un uomo molto dotto ma altrettanto umile, che osservò fin da subito alla lettera la vita religiosa domenicana, mentre i superiori lo impiegarono fin da subito nella predicazione. Padre Cristoforo da Milano divenne subito agli occhi di tutti un vero fedele imitatore di San Domenico. Amava la liturgia, conduceva una vita santa e fatta di povertà evangelica e di purezza celestiale.

LEGGI ANCHE: Beata Isabella di Francia: la sua risposta alla lettera del Papa spiazza tutti

Convertì alla fede uomini di affari che passavano per Genova

Nella città di Genova, in quel periodo repubblica marinara fiorente, Cristoforo convertì alla fede cattolica numerosi commercianti che passavano in quel luogo per fare affari, e ne uscivano con il cuore pieno di amore per il Signore. Gesù arrivò nei cuori di molti grazie a questo frate austero e deciso. Che nel 1460 fondò a Taggia un convento domenicano dedicato a Maria Madre della misericordia.

In questo convento furono molti i religiosi formati all’amore per Cristo e al servizio alla Chiesa. Nell’epoca dell’umanesimo, molti capirono che la vera umanità è solo in Gesù.

Giovanni Bernardi

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: redazione@lalucedimaria.it