Autista Uber rifiuta di accompagnarla ad abortire e viene licenziato

Un autista uber è stato licenziato per non aver portato una ragazza ad abortire?

Sì, il licenziamento è stato confermato dalla compagnia.

rifiuta di accompagnare una ragazza ad abortire

Autista Uber rifiuta di accompagnare una ragazza ad abortire

In questi giorni negli Stati Uniti i quotidiani hanno portato alla luce una storia emersa su Reddit che ha dell’incredibile. Una ragazza ha raccontato alla community che un’autista si è rifiutato di accompagnarla e l’ha lasciata in strada. La giovane era appena uscita da un clinica abortiva, dove non aveva trovato un appuntamento per compiere l’interruzione di gravidanza. Decisa ad andare avanti con la sua scelta, la giovane ha contattato un autista Uber per farsi accompagnare in un’altra clinica.

Salita in auto, la giovane era comprensibilmente scossa e l’autista le ha chiesto dove fossero diretti. Quando ha visto che la ragazza non reagiva, le ha chiesto se stesse andando ad abortire; Anche in questo caso la ragazza non ha risposto. A quel punto l’uomo le ha detto che non l’avrebbe accompagnata in clinica ed ha aggiunto che stava commettendo un errore. Distrutta dalle parole dell’uomo, la ragazza è scesa dall’auto in lacrime, come racconta lei stessa: “Ho chiamato tre volte i miei genitori, ma non mi hanno risposto. Allora ho chiamato il mio ragazzo, che ha risposto subito. Mi ha calmata e mi ha detto di avvisare la clinica di quello che stava succedendo, e di chiamare qualche compagnia di taxi locale”.

Uber licenzia l’autista: “Non ha rispettato le nostre linee guida”

Emersa la storia, l’autista è stato licenziato da Uber e numerosi legali si sono offerti di supportare un’eventuale causa della ragazza pro bono. Tale evoluzione ha portato molti a supporre che il licenziamento fosse legato all’idea espressa dall’uomo riguardo l’aborto. Su tale ipotesi sono stati costruiti numerosi articoli sul web da siti di orientamento cattolico. La verità, però, è leggermente diversa e viene condivisa dal sito americano ‘DailyCaller‘.

Nell’articolo in questione viene chiesto alla compagnia se il licenziamento dell’autista è avvenuto. Uber risponde che in effetti l’autista è stato licenziato: “Le linee guida della nostra comunità prevedono che l’incolumità sia la priorità principale”, spiegano aggiungendo in seguito: “lasciare qualcuno nel mezzo del nulla è una minaccia per l’incolumità di qualcuno”. Insomma l’errore contestato all’autista, per il quale si sta investigando, è stato non assicurarsi che la passeggera fosse in un luogo sicuro.

Segui tutte le nostre News anche attraverso il nuovo servizio di Google News, CLICCA QUI

Luca Scapatello

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: redazione@lalucedimaria.it