Attentato nella metropolitana a San Pietroburgo, preghiamo per le vittime

 

 

Ancora paura terrore questa volte a farne le spese è stata la Russia, speriamo che il bilancio sia definitivo.

Paura nella metropolitana di San Pietroburgo. Una esplosione è avvenuta nel tunnel tra due stazioni e ha causato almeno 9 morti e oltre 20 feriti tra cui diversi bambini. Lo precisa l’antiterrorismo russo citato dalla Tass. La deflagrazione è avvenuta tra la fermata di Sennaya e quella del Tekhnologichesky Institut ed è stata causata – secondo quanto riporta Interfax – da ordigni artigianali con circa 200-300 grammi di tritolo. I feriti sono stati colpiti, secondo i media, dagli oggetti contundenti presumibilmente contenuti nell’ordigno esploso.

Tutte le fermate sono state chiuse e sono state messe in atto le operazioni di evacuazione.

Secondo fonti citate dall’agenzia Interfax, l’esplosione nella metro di San Pietroburgo è stata causata da un ordigno artigianale “probabilmente lasciato su un vagone prima della partenza del convoglio”, e quindi non da un terrorista kamikaze. La bomba era stata resa più pericolosa con l’aggiunta di “elementi lesivi”.

Su alcune foto pubblicate sui social media si vede un vagone della metro sventrato dall’esplosione a San Pietroburgo e corpi sulla banchina.