Fase 2, in funzione l’app Immuni: dove e come parte la sperimentazione

Nella giornata di oggi è previsto l’esordio dell’app Immuni, che il governo italiano utilizzerà per il tracciamento dei contagi da coronavirus.

App Immuni - Fase 2

Sono ormai settimane che si parla di questa applicazione, e in giornata potrà apparire sui telefonini di milioni di italiani. Intorno a questo strumento però nelle settimane scorse si sono susseguite importanti polemiche, sul funzionamento, i limiti della privacy, l’obbligatorietà.

Le polemiche sull’app Immuni

Nei giorni scorsi alcuni politici hanno affermato di essere già stati sottoposti a una sorta di osservazione da parte dell’applicazione, che hanno visto scaricata in maniera automatica sui loro sistemi Android.

Ma le polemiche sull’invasività e il mancato rispetto del diritto di privacy che pone l’applicazione, infatti, continuano ad essere accese e dividono tanto la politica quando cittadini e associazioni in favorevoli e contrari.

Coronavirus Immuni app anticontagio

Dove partirà la sperimentazione

Le prima quattro regioni in cui partirà questa sperimentazione, ancora in fase iniziale, sono Liguria, Marche, Abruzzo e Puglia. “Adesso dobbiamo capire come mettere immediatamente in quarantena eventuali contagiati e i loro contatti stretti”, è quanto affermato dal governatore Michele Emiliano.

“L’app Immuni serve a questo fine. Se qualcuno arriva in Puglia potremmo chiedergli la cortesia, non l’obbligo, di segnalare la propria presenza e di tenere memoria dei contatti”, continua.

A cosa servirà Immuni

L’applicazione servirà quindi soprattutto alla prevenzione del contagio. “Mi becca prima un problema, fa costare meno la sanità e permette ad un altro di essere curato”, spiega il manager Vittorio Colao.

La tecnologia, stando ai documenti pubblicati dagli sviluppatori, seguirà il modello di funzionamento decentralizzato di Google e Apple. Si tratta di un modello cioè in cui i dati che vengono raccolti verranno successivamente conservati sui singoli device, piuttosto che su un grande server centrale.

Come funzionerà l’app

L’app inoltre non traccerà gli spostamenti, ma si limiterà a conservare i contatti di prossimità tra smartphone. Inoltre, come auspicato nelle settimane precedenti, non sarà obbligatorio scaricarla né tanto meno utilizzarla. I dati, infine, potranno essere condivisi solamente attraverso l’autorizzazione del proprietario dello smartphone.

App per smartphone
In arrivo “Immuni”, l’app anti-contagio (photo Pixabay)

Infine, da ultimo, i dati raccolti e condivisi sul server centrale gestito dall’italiana Sogei dovranno essere eliminati entro la data del 2020.

Giovanni Bernardi

Segui tutte le nostre News anche attraverso il nuovo servizio di Google News, CLICCA QUI

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]