Zanardi operato ancora: ora la ricostruzione cranico-facciale

Un nuovo intervento chirurgico per il campione Alex Zanardi. Questa volta per la ricostruzione cranico–facciale.

alex zanardi
photo Getty Images

Ancora non è stata sciolta la prognosi per Alex Zanardi. Il campione è stato sottoposto, ieri, ad un nuovo intervento chirurgico.

Zanardi: nuova operazione

Questa volta è durato ben 5 ore l’intervento per la ricostruzione cranico – facciale di Alex Zanardi, eseguito da professionisti maxillo – facciali e da neurochirughi. Il tutto per ricostruire al meglio possibile la zona del volto traumatizzata durante l’incidente dello scorso 19 giugno. La prognosi, per il campione, resta ancora riservata. Nelle prossime ore, verrà anche emanato un bollettino medico circa le sue condizioni.

“Le fratture al volto erano complesse”

Le fratture erano complesse. Questo ha richiesto un’accurata programmazione che si è avvalsa di tecnologie computerizzate, digitali e tridimensionali, fatte a misura del paziente. La complessità del caso era piuttosto singolare, anche se si tratta di una tipologia di frattura che nel nostro centro affrontiamo in maniera routinaria” – ha spiegato il professor Paolo Gennaro, direttore della UOC Chirurgia Maxillo-Facciale dell’Aou Senese, dove è ricoverato Zanardi.

Zanardi di nuovo in terapia intesiva

Alex Zanardi, ora, è di nuovo nel reparto di terapia intensiva dell’ospedale di Siena e respira ancora meccanicamente. Le sue condizioni sono stabili dal punto di vista cardio-respiratorio e metabolico, ma gravi dal punto di vista neurologico.

Preghiamo ancora per lui, perché torni a correre, a vincere e ad emozionarci come prima.

ROSALIA GIGLIANO

Fonte: agi.it

Segui tutte le nostre News anche attraverso il nuovo servizio di Google News, CLICCA QUI

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]