Difendere la vita sin dal concepimento. L’opinione di don Mangiarotti

Anche dopo la notizia, arrivata anche sui tg nazionali, circa il “cimitero dei feti non nati” a Roma, un sacerdote, in una lettera, ha deciso di dire la sua.

aborto

“Il genocidio abortista è gravissimo”. Con queste parole, don Gabriele Mangiarotti ci induce a riflettere su alcune cose.

Le osservazioni di don Mangiarotti: “La vita è sacra”

L’associazione “Difendere la vita con Maria”, pubblica sul suo sito, una newsletter all’interno della quale è possibile leggere opinioni, notizie e lettere su ogni argomento, ma con particolare attenzione a quelli che si propongono per difendere la vita, in ogni sua forma, come vero dono di Dio.

La lettera di oggi è quella di un sacerdote, don Gabriele Mangiarotti il quale ritorna sull’argomento aborto, in particolare dopo la notizia del “cimitero dei feti non nati” a Roma, e delle mamme che non vogliono il loro nome sulla croce dove è seppellito quel bambino mai nato.

Don Mangiarotti: “Siamo davanti a un genocidio abortista”

Il genocidio abortista è gravissimo soprattutto perché non è opera di qualche pazzo criminale, ma di una volontà collettiva consapevole e proclamata nella legge civile da parte delle nazioni. È in forza di queste leggi che gli aborti si sono moltiplicati a dismisura e le coscienze si sono oscurate” – scrive il sacerdote, responsabile dell’Ufficio di Pastorale scolastica e della cultura nella diocesi di San Marino – Montefeltro.

don mangiarotti
photo web source

In un suo articolo sul quotidiano “Avvenire”, don Mangiarotti parla apertamente del tema aborto ed interruzione della gravidanza: “Il genocidio abortista, per l’immensità dei numeri […] la sua causa-motivazione-forza ideologica decisiva e per la sua finalità, è da considerare oggettivamente e di gran lunga il fatto più grave di tutta la storia dell’umanità”.

Lo scontro aperto sulla pillola abortiva

Parole forti, che ci fanno riflettere. In particolare quando il sacerdote commenta la decisione presa dal Ministro della Salute, circa la pillola abortiva Ru486. “Così si rende più facile ancora portare all’eliminazione di un bambino che mai nascerà. Si è eliminato il ricovero obbligatorio per la somministrazione della stessa, facendo diventar legge un vero e proprio genocidio” – commenta don Gabriele Mangiarotti.

Don Mangiarotti: “Ogni feto ha diritto ad esser seppellito”

E sull’ultimo avvenimento, circa il “cimitero dei feti” a Roma, don Gabriele è chiaro: “Ogni aborto produce un cadavere. Le spoglie di questo bambino non nato vanno onorate come quelle di ogni altra persona” – conclude il sacerdote.

aborto
photo web source

Bisogna non spegnere mai l’attenzione su questo argomento così doloroso, così complesso, molte volte difficile da affrontare. Perché ci si dimentica sempre della cosa principale: la vita è sacra, la vita è un dono di Dio, sin dall’inizio.

Fonte: advm.org

ROSALIA GIGLIANO

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]