365 giorni con Maria, 5 aprile. In seguito all’apparizione avvengono innumerevoli fatti miracolosi

Nel giorno della domenica di Pasqua, accade un fatto molto particolare. Una nave, che sta trasportando la statua della Madonna con il Bambino Gesù, si trova costretta a trovare rifugio da un temporale.

Siamo nei pressi del borgo di Castello di Roccella. La Madonna di Gibilmanna appare a un frate dando vita a una catena di eventi miracolosi.

La Vergine e Gesù che appaiono insieme
365 giorni con Maria, 5 aprile (photo web source)

Miracoli giunti fino ad oggi, che permettono a questo territorio di considerarsi benedetto dalla presenza di Maria.

Lei chiede di esser “recuperata”

Pare che la Vergine sia apparsa a un frate cappuccino che viveva a Gibilmanna, consegnandogli un messaggio ben preciso. La Madonna, durante l’apparizione, gli dice di andare a prendere la statua avvolta con una coperta di lana e, in seguito, di costruire un santuario a Lei dedicato.

E’ allora che la statua viene caricata su un carro trainato da buoi. Questi ultimi però, che sono stati  lasciati in libertà, dopo giorni di viaggio si fermano sul promontorio che sovrasta Cefalù.

Non è l’unico evento miracoloso legato a questo straordinario santuario. Corre l’anno 1576, quando padre Sebastiano Maio di Gratteri sta normalmente celebrando una Messa, nell’antica chiesetta. In quel momento, il sacerdote ha un’apparizione di Gesù, che lo invita a dipingerlo proprio nello stesso modo in cui lo vede.

Al frate appare Gesù

Padre Sebastiano, letteralmente sconvolto dall’accaduto, si ingegna e riesce e rimediare i colori di cui aveva bisogno dalle piante pestate presenti nel territorio. E’ solo allora che può dipingere il quadro che gli è stato richiesto durante l’apparizione. Dipinto che si trova attualmente ancora esposto all’interno del Santuario.

Padre Sebastiano Maio è un frate dei Minori Osservanti e passa alla storia come il fondatore della comunità cappuccina del Santuario di Gibilmanna.

Padre Sigismondo da Pollina in seguito, nel 1619, viene eletto guardiano del convento e si decide di costruire una nuova chiesa al posto dell’antica cappella benedettina, insufficiente a contenere i pellegrini, che arrivano numerosi dopo la notizia del fatto miracoloso.

La Vergine e Gesù che appaiono insieme
Trono della Madonna di Gibilmanna – photo web source

Il quadro e la statua insieme

La venerata immagine della Madonna con Bambino, un affresco in stile bizantino dell’antica cappella benedettina, viene trasferita nella nuova chiesa, distaccata e inserita nel muro della cappella della Madonna. Lì vi sono trasferiti anche la statua della Vergine e l’antico Crocefisso che parla a Padre Sebastiano.

Preghiera alla Madonna di Gibilmanna

Sotto la tua protezione cerchiamo rifugio,

o Santa Madre del nostro Dio e Salvatore Gesù Cristo.

Dalla costa del Tirreno ai monti alti delle Madonie alle colline della Valle del Torto

noi, figli e figlie di questa terra e di questa Chiesa di Cefalù,

a te volgiamo lo sguardo

e, uniti a quanti qui ci hanno preceduto,

con fede ti proclamiamo: o gran Signura!

O gran Signura, che hai creduto con umiltà alla Parola del Signore:

insegnaci ad ascoltare la sua voce, a leggere questa storia,

e a vedere i segni della sua presenza in questo tempo di prova.

O gran Signura, che hai saputo riconoscere nella fede l’ora del tuo Figlio:

intercedi per noi e per le nostre famiglie,

per i nostri giovani e i nostri anziani,

per i nostri lavoratori e i nostri disoccupati,

per i nostri amministratori e i nostri governanti,

perché tutti sappiamo affrontare con responsabilità civile

e cristiana speranza questa ora di prova.

O gran Signura, che sei rimasta piantata presso la Croce del tuo Figlio:

stai accanto a quanti soffrono per il contagio virale,

stai accanto ai medici e al personale sanitario che si prendono cura di loro,

stai accanto agli uomini e alle donne delle forze dell’ordine che ci custodiscono,

stai accanto ai ricercatori scientifici che studiano le cure contro questo contagio.

O gran Signura, ecco le nostre anfore piene stavolta delle lacrime dell’Umanità;

presentale al tuo Figlio;

il tuo amore materno provochi ancora la sua carità

e, per noi, a lui rivolgi la supplica: “non hanno più vino”,

e il nostro Salvatore trasfigurerà i cuori di pietra in cuori di carne,

cambierà il lamento in danza,

e finalmente questa quaresima sarà stata un grande sabato santo

che esploderà in un radioso mattino di Pasqua.

Santa Madre di Dio, non disprezzare le suppliche

di noi che siamo nella prova.

e liberaci da ogni contagio e da ogni pericolo,

o Vergine gloriosa e benedetta.

Impostazioni privacy