365 giorni con Maria: 27 gennaio 2022 | La scoperta di una devozione potente

Da una devozione molto antica e potente nasce una nuova chiamata: la ragazza coinvolta nell’avvenimento risponde con decisione e così nasce una grande venerazione alla Madonna del Pilar.

La Vergine sembrò staccarsi dal quadro, e le andò incontrò, stringendole le mani in maniera amorevole e raccomandarla di non smettere mai di esserle devota.

Madonna del Pilar di Castenaso

La devozione alla Madonna del Pilar ci riporta alle origini della cristianità, giungendo attraverso la testimonianza di storici e scrittori e confermata da numerosi Pontefici.

La storia della Madonna del Pilar

L’apostolo San Giacomo Maggiore, sotto l’ispirazione dello Spirito Santo, partì da Gerusalemme e giunge in Spagna per predicare il Vangelo.

A Saragozza la Madonna gli apparve su di una colonna, in spagnolo “pilar”. Maria, ancora in vita, si trovava a Gerusalemme. In quella visita lo incoraggiò e lo confermò nella sua missione apostolica. Si sarebbe trattato quindi di un fenomeno di “bilocazione”, comune anche a molti grandi santi, come anche Padre Pio.

Castenaso si trova a dieci chilometri da Bologna e la sua origine ci riporta a prima dell’era cristiana. Lì sorge il Santuario della Madonna del Pilar, conosciuta a livello popolare come la Madonna del Pilaro.

Più anticamente dedicato alla Madonna della Neve, in seguito passò alla proprietà del Collegio Spagnolo di Bologna, fondato nel 1364 dal cardinale Albornoz. Il nome del Santuario in seguito alla collocazione del quadro del 1672 rappresentante la Madonna del Pilar.

Verso la fine del secolo, poco distante dalla chiesa viveva una famiglia di contadini, Giambattista Azzaroni con la moglie Isabella Mazzoli e cinque figli. La figlia maggiore si chiamava Maria Maddalena, e ogni volta che passava dinnanzi la chiesa si fermava alcuni istanti per pregare la Madonna.

Il martedì 27 gennaio 1699 la mamma la invia dalla zia per domandare dell’aceto. Maria Maddalena passò davanti all’immagine in tutta fretta, senza fermarsi nemmeno un istante. Dopo solamente alcuni passi, sentì tuttavia una voce insolita chiamarla per nome.

L’apparizione della Madonna del Pilar

Girandosi incuriosita, la giovane non vide nessuno. Così si spaventò e cominciò a camminare in maniera frettolosa verso la propria abitazione. Una volta trovatasi, al ritorno, di nuovo davanti alla chiesetta sentì: “Maria Maddalena, non continui più la tua devozione alla Madonna?”.

La giovane rimase sbalordita da quanto avevano udito le sue orecchie, così accostandosi alla chiesetta posizionò le mani al petto e cominciò a pregare la Madonna. La Vergine sembrò staccarsi dal quadro, e le andò incontrò, stringendole le mani in maniera amorevole e raccomandarla di non smettere mai di esserle devota.

Maria Maddalena dopo quell’evento prodigioso tornò a casa piena di gioia, e annunciò il prodigio a tutti. In poco tempo tutti ne vennero a conoscenza, e la miracolosa immagine divenne subito meta di grandi pellegrinaggi. La Curia subito decise di costruire il Santuario, che venne inaugurato nel 1704.

L’immagine miracolosa venne spostata dall’oratorio al tempio solo nel 1743. In quel giorno l’allora Pontefice Benedetto XIV concesse tre giorni di indulgenza plenaria. Mentre invece la veggente, Maria Maddalena Azzaroni, il 21 dicembre del 1702 si consacrò al Signore nel Convento di Santa Cristina in Senigallia.

Preghiera alla Madonna del Pilar

Ave Maria,
Madre di Cristo e della Chiesa!
Ave, vita dolcezza e speranza nostra!
[…]

Vergine santa del Pilar: aumenta la nostra fede,
rafforza la nostra speranza, ravviva la nostra carità.
Soccorri quelli che soffrono disgrazie,
quelli che soffrono per la solitudine, per l’ignoranza
o per la fame o per la mancanza di lavoro.
Rafforza i deboli nella fede.
Suscita nei giovani la disponibilità
per una donazione piena a Dio.
[…]

Così sia.

Ave o Maria…

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: redazione@lalucedimaria.it