365 giorni con Maria: 26 giugno. Il grande miracolo preceduto dalla visione di una colomba

Dopo che una misteriosa colomba, si posa sul cespuglio di biancospino, avviene  l’inaspettato doppio prodigio.

La Madonna di Stazzano, per la popolazione locale che è fuggita per le invasioni, è la salvezza.

 Difesa di un popolo e protettrice di un territorio
365 giorni con Maria, 26 giugno (photo web source)

Federico Barbarossa, potente e ambizioso imperatore del Sacro Romano Impero e re d’Italia, scende in Italia distruggendo senza alcuna pietà la cittadina di Stazzano, in provincia di Alessandria.

La fuga degli abitanti e la protezione di Maria

Gli abitanti vengono profondamente presi dal panico, e scappano di gran carriera sul Monte Spineto, dove riescono a rifugiarsi trovando una tregua. Una volta giunti in questo luogo, invocano la Madonna con tutte le loro forze e per fortuna riescono a salvarsi. L’intervento della Vergine li ha infatti difesi e finalmente possono sentirsi al riparo e consolati dalla Madre celeste.

In quel luogo sorge quindi una piccola cappella in cui ogni giorno i rifugiati possono rivolgere a Maria le loro preghiere e invocazioni. Tuttavia, presto scampa anche il pericolo della guerra, e quando il posto viene abbandonato anche la piccola cappella finisce per essere presto dimenticata. Tuttavia, non è finita lì. Alcuni secoli dopo, nel 1620, il pericolo torna a farsi vivo con la Rivoluzione francese, e con la spietata e vile crudeltà dei giacobini.

Il miracolo della ragazza sordomuta

La gente del luogo torna quindi, anche in quella occasione, a rifugiarsi sul monte che già secoli prima li ha ospitati. E’ lo scenario in cui avviene un altro splendido miracolo. Una ragazzina sordomuta, in quella precisa circostanza, vede una colomba che si posa su di un cespuglio di biancospino. In quello stesso istante, il cespuglio fiorisce, nonostante era fuori stagione.

La donna corre così a dirlo subito a tutti, e allo stesso tempo tutti si accorgono che la donna è miracolosamente guarita. All’improvviso, infatti, quasi senza rendersene conto, ha riacquistato l’utilizzo della parola. Per ben otto giorni, inoltre, la colomba non si muove mai da quel cespuglio fiorito.

Ci sono voluti tre anni per la costruzione completa il santuario, ancora oggi meta di tanti fedeli che, in ricordo di questo splendido miracolo, invocano la presenza della Vergine ogni giorno per la loro vita.

Difesa di un popolo e protettrice di un territorio
Santuario Madonna di Stazzano – photo web source

Preghiera alla Madonna di Stazzano

Maria, rendi il mio amore sorridente, perché sia ancor più ricco di amore! Fa in modo che il mio sorriso, possa esprimere la più pura bontà! Insegnami a dimenticare con un sorriso le mie preoccupazioni e le mie pene, per prestare attenzione soltanto alle gioie degli altri.

Il mio volto sorridente renda i miei contatti col prossimo più cordiali e più caldi di fraternità. Conservami il sorriso nelle ore dolorose, perché anche in quei momenti io possa continuare a donarmi al prossimo. Aiutami a custodire in fondo al cuore quella gioia di amare che si manifesta attraverso il sorriso.

Insegnami, Maria, a servire il Signore, con gioia, sorridendo, a qualunque costo. Amen

Impostazioni privacy