Zlatko Dalic, allenatore della Croazia, ha il Rosario sempre in tasca!

Zlatko Dalic, allenatore della Croazia, ha il Rosario sempre in tasca!
Zlatko Dalic

Si chiama Zlatko Dalic l’allenatore della squadra della Croazia che, tra qualche ora, disputerà l’ultima partita del Mondiale 2018, contro la Francia.
In questo strano Mondiale (almeno per noi italiani, abituati ad essere in prima linea), che ha escluso la partecipazione degli Azzurri ed ha visto cadere, uno dopo l’altro, i colossi del calcio internazionale, la Croazia avanza, senza sposta, mentre il loro allenatore, Zlatko Dalic, spiega di essere cattolico praticante e di cercare di insegnare ai suoi allievi non solo delle ottime strategie calcistiche, ma anche come tramandare quei valori troppo lontani, al momento, dal mondo dello sport e dei Vip.

“Ciascuno di noi, in un modo o nell’altro, porta la sua croce”, ma questo non deve farci mollare, perché “solo con la fede l’uomo può tornare, in modo più qualitativo, sulla strada giusta. E’ necessario portare la croce nel modo più dignitoso possibile, portarla con fortezza e forza. Nelle situazioni che sembrano senza uscita, si trova una soluzione, tuttavia è necessario credere”.

Lui, che da bambino serviva la Messa, in un momento storico in cui il suo Paese, vessato dal comunismo del dittatore Tito, non era libero nemmeno di pregare Dio, pensa che “Dio è presente quotidianamente nella mia famiglia e nella mia vita (…) e, per tutto ciò che ha fatto nella mia vita, posso ringraziare la fede e il buon Dio”.

Molti hanno notato che Zlatko Dalic ha spesso la mano destra in tasca e che dirige i calciatori con la sinistra e questo perché: “Il Rosario è sempre con me, e quando mi sento un po’ agitato, metto la mano in tasca, stringo il Rosario, e tutto diventa più semplice”.
Possiamo forse dimenticare che l’allenatore proviene da una terra molto vicina al luogo in cui le apparizioni di Maria sono quotidiane, da oltre 37 anni?
Dunque, ora, abbiamo un motivo in più per tifare Croazia!

Antonella Sanicanti