Zachary, ex satanista: “L’aborto è un sacrificio satanico”

Zachary King è un ex satanista che dopo la conversione ha deciso di portare la sua esperienza nelle sette sataniche per avvertire i fedeli dei pericolo che potrebbero incorrere loro o i figli cominciando simili frequentazioni. La sua testimonianza e la sua opera evangelizzatrice sono talmente apprezzate negli States (Zachary opera nella Chiesa di San Francesco nel Vermont) che Radio Maria ed altre emittenti cattoliche si sono interessate a lui per poter diffondere il suo messaggio nel resto del mondo.

Nato nel 1957, Zachary ha sviluppato una passione per i trucchi di magia sia per l’influenza ricevuta da film su stregoni che per aver giocato a Dungeons and Dragons (gioco da tavolo ambientato in un mondo fantasy in cui sono gli stessi partecipanti a creare il canovaccio). Insomma come ogni bambino era affascinato dal mondo fantastico e dalla possibilità di avere poteri sovrannaturali. La sua passione lo ha portato a frequentare un gruppo di amici che condivideva la sua curiosità per la magia. Stando al racconto di Zachary furono proprio questi amici che nel 1970 lo introdussero in una setta satanica formata da adulti. Oggi, finalmente libero dal giogo della setta, racconta ai fedeli che Satana richiede sacrifici, preferibilmente quelli di bambini non ancora nati.

Zachary King parla di Satana, della richiesta di sacrifici e della sua influenza

In un’intervista concessa recentemente Zachary ha affermato che in molti riti satanici vengono ingravidate delle vergini, le quali poi vengono fatte abortire per offrire il bambino in sacrificio a Satana. Su questo argomento sta persino scrivendo un libro che si intitola ‘Abortion is a Satanic Sacrifice‘ (L’aborto è un sacrificio satanico). Data la sua esperienza gli intervistatori gli hanno chiesto se l’ingresso al satanismo non possa essere veicolato da film e videogames in cui ci sono abomini e mostri e questo ha risposto: “Satana ha influenza su ogni livello, non solo sui bambini. Nella nostra società vi è una grande diffusione mediatica di satanismo ed occultismo, presentato dal business degli adulti, in modo ludico, attraverso video giochi, serie tv, musica, film e libri incentrati su storie di maghi, stregoni, mostri, draghi, troll, demoni e elfi”.

Data l’affermazione gli viene chiesto cosa pensa di chi, compresi sacerdoti, non crede alla presenza di Satana e Zachary risponde: “E’ molto triste, perché si vuole convincerli prima della loro morte, ma dopo crederanno, perché sono all’inferno. Quando mi sono convertito, non pensavo nemmeno di avere l’opzione di diventare cristiano”.

Luca Scapatello