“Silvia Romano è viva” la polizia è certa sulla sorte della Volontaria rapita in Kenya

Silvia è viva secondo la polizia kenyotaProseguono senza sosta le indagini sul caso della volontaria rapita in Kenya, secondo quanto riferito dalla polizia locale Silvia Romano sarebbe ancora viva.

Lo scorso martedì Silvia Romano, volontaria della onlus marchigiana ‘Africa Milele‘, è stata rapita da un gruppo di uomini armati mentre si trovava nel suo appartamento a Chakama, piccolo villaggio che si trova nella contea di Kilifi. Sin dal primo momento si è capito che il rapimento non è stato accidentale, bensì mirato: degli uomini armati di AK47 sono entrati in zona con delle motociclette sparando all’impazzata sui presenti (molti i feriti tra cui dei bambini), quindi si sono diretti nell’appartamento in cui risiedeva Silvia Romano e l’hanno portata con loro.

Denunciato il rapimento della 23enne milanese, la polizia kenyota di concerto con l’esercito ed i rangers forestali hanno cominciato ad indagare nella contea di Kilifi per capire cosa fosse successo e chi fossero i colpevoli. Le ipotesi seguite sono due: quella del rapimento in cerca di riscatto e quella di un’azione dimostrativa del gruppo estremista locale  Al -Shabaab legato ad Al Qaeda. Da martedì ad oggi sono state arrestate 20 persone sospettate di essere coinvolte nell’accaduto e la ricerca dei rapitori si è ristretta a tre soggetti.

La polizia Kenyota rassicura i familiari di Silvia Romano: “E’ ancora viva”

In un’intervista rilasciata ad un’inviata di ‘Repubblica‘, il direttore regionale della polizia kenyota Noah Mwivanda ha assicurato che la ragazza italiana è ancora viva e si trova  in mano a 3 degli 8 assalitori da qualche parte all’interno della foresta: “Silvia si trova nella foresta, in mano a tre degli assalitori. Gli altri cinque sono scappati, e ne abbiamo perse le tracce”. La polizia ha inoltre identificato i 3 rapitori che detengono la volontaria rapita e ne ha condiviso nomi e foto segnaletiche, offrendo una ricompensa di un milione di scellini (9730 dollari) a chiunque porti delle informazioni utili a catturarli.

Rassicurazioni sulle condizioni di Silvia Romano sono giunte anche dal capo della polizia del Kenya Joseph Boinnet, il quale secondo quanto riportato su ‘Ansa‘ ha dichiarato: “Abbiamo una significativo grado di ottimismo di poter essere in grado di trovare la ragazza nel più breve tempo possibile”. L’ottimismo della polizia è legato anche al fatto che l’ipotesi di un’azione terroristica è stata quasi del tutto scartata: “I sequestratori chiedevano denaro”, spiega l’ufficiale riferendo quanto hanno detto i testimoni, però in seguito aggiunge che un margine di incertezza permane: “Non possiamo però essere certi su chi siano e perché abbiano rapito”.

Segui tutte le nostre News anche attraverso il nuovo servizio di Google News, CLICCA QUI

Luca Scapatello