Caterina de’ Mattei: le mistiche che volavano con gli Angeli

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:19

Sono state molte, nel corso dei secoli, le esperienze angeliche vissute dalle mistiche. Ripercorriamo i racconti del loro contatto con gli spiriti celesti.

Voli angelici
Voli angelici (websource)

La visita miracolosa di Caterina de’ Mattei alla mantellata Lucia Brocadelli è la prima esperienza angelica che raccontiamo. Avvenuta diversi secoli fa, nel corso del XV secolo, la vicenda fece gran scalpore. Caterina affermò di essere stata trasportata dagli angeli da Carmagnola (Piemonte) fino a Ferrara, trascorrendo alcune ore con Lucia, che viveva in clausura. Le due Beate avevano potuto dunque intrattenersi in un colloquio spirituale, incoraggiandosi a vicenda.

Le mistiche Anna Schaffer e Mechtild Thaller

I “voli angelici” delle mistiche Anna Schaffer e Mechtild Thaller sono invece più recenti e abbracciano il XIX secolo. La prima ebbe un’esperienza di questo tipo durante la Prima Guerra Mondiale, quando fu trasportata dagli angeli sul campo di battaglia. La mistica ha raccontato che molti di quei soldati la videro e gridarono: “Proteggimi! Intercedi per me!”. Dopo la guerra, molti soldati la raggiunsero per ringraziarla. Le stesse esperienza sono state vissute da Mechtild Thaller che ha tentato di spiegarle al suo padre spirituale.

Il volo angelico di Sinfrosa Chopin

Bellissima la testimonianza di Sinfrosa Chopin, che tra il 1970 e il 1980 conobbe numerosi “voli angelici”. Uno dei più importanti fu quello che la condusse in Vaticano la notte in cui morì Giovanni Paolo I, nel 1978. Fino alle 4 del mattino, la mistica fu in grado di annunciare ai suoi amici più stretti il decesso del pontefice, la cui notizia fu diffuse solo qualche ora più tardi.

L’esperienza di Domenica Lazzeri

1835: la stigmatizzata tirolese Domenica Lazzeri (1815 – 1848) immobilizzata a letto dalla paralisi e dalla sofferenza delle stigmate, scomparve improvvisamente. L’esperienza ce la racconta il suo biografo: “Domenica, che non poteva senza i più spaventevoli dolori muoversi d’un pollice dal suo letto, scomparve: non la si vedeva più, né nel suo letto, né nella stanza, né nella casa, né sotto la casa. Ella era scomparsa: corpo ed anima. In capo a 8 giorni e mezzo, ella fu di nuovo all’improvviso nel suo letto, nell’invariabile posizione dove era normalmente”.

Altri “voli angelici”

Quella del 1835 non fu l’unica esperienza della mistica tirolese. Ella, trasportata dagli angeli, era andata più di una volta a render visita alle sue sorelle spirituali, anch’elle stigmatizzate, Maria von Mörl e Kreszentia Nierklutsch. Un’altra mistica tedesca abituata a tali esperienza fu Maria Elisabetta Fluhr (1903-1981). Più di una volta, le persone vicine alla mistica s’inquietarono per le sue “assenze”. Una volta la mistica fu anche trasportata a Roma, dove alcuni pellegrini la incrociarono in Piazza San Pietro, nel giorno della Beatificazione di Suor Maria di Gesù, compagna di Santa Teresa d’Avila.

Segui tutte le nostre News anche attraverso il nuovo servizio di Google News, CLICCA QUI

Fabio Amicosante

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]