Caos nella Comunità di Bose: Papa Francesco allontana padre Enzo Bianchi

Sei mesi fa c’era stata l’ispezione da parte del Vaticano, ora la decisione. Enzo Bianchi, fondatore della Comunità di Bose, dovrà lasciare il monastero in provincia di Biella.

Il fondatore della Comunità di Bose padre Enzo Bianchi – sourceweb

È stato il Papa stesso a ordinare questa decisione clamorosa, mettendo la firma sull’approvazione del decreto che ordina l’allontanamento dell’ex priore. Padre Enzo Bianchi è una voce molto nota e molto ascoltata da una parte del mondo laico interessata al pensiero cristiano.

La notizia diffusa ieri in serata

A metà degli anni sessanta, a conclusione del Concilio Vaticano II, Bianchi aveva fondato in Piemonte questa comunità cristiana, in una frazione abbandonata del comune di Magnano, sulla Serra di Ivrea. La data formale della nascita è l’8 dicembre 1965, giorno della chiusura del Concilio. La volontà era quella di dare vita a una comunità monastica sul modello delle “comunità di base”, cioè ispirata ai cristiani dei primi secoli.

La Comunità di Bose si caratterizza infatti per essere fortemente centrata nel dialogo ecumenico, aperta a tutte le confessioni e quindi anche alle donne. Bianchi ne ha lasciato formalmente la guida tre anni fa, nel 2017, passando il testimone a fratel Luciano Manicardi.

Foto Vatican Media/LaPresse12 01 2019 Città del Vaticano – Papa Francesco il giorno in cui ha ricevuto questa Enzo Bianchi, Fondatore della Comunità di Bose

Cosa è successo a Bose

Nell’aria però cominciava a farsi sempre più palese il sentore di un malfunzionamento nel passaggio tra la guida di Bianchi e quella di Manicardi. Così il 6 dicembre 2019 è avvenuta la “visita apostolica” da parte degli ispettori vaticani. In un “momento di un passaggio che non può non essere delicato e per certi aspetti problematico”, scrive la comunità.

Segno che la situazione cominciava ad essere al limite e stava per compromettersi. Erano troppe le tensioni che si stavano creando tra la nuova guida e il fondatore. E Manicardi, il nuovo priore, per poter prendere in mano la comunità senza interferenza aveva di cero bisogno di serenità.

Gli ispettori vaticani

La visita si sperava che portasse una risoluzione, ma così non è stato. Le tensioni si sono incrementate, e il 13 maggio il Segretario di Stato della Santa Sede Pietro Parolin ha firmato il decreto.

Il priore della Comunità di Bose padre Luciano Manicardi. Manicardi è subentrato a Enzo Bianchi alla guida della Comunità monastica di Bose – sourceweb

Nella serata di ieri, è stata poi la Comunità stessa a renderlo noto, spiegando che “l’annunciato rifiuto dei provvedimenti da parte di alcuni destinatari ha determinato una situazione di confusione e disagio ulteriori”.

I dissidi sul cambio di gestione

Il fatto, in sostanza, è che alcune persone invitate ad andare via non vorrebbero farlo. Così nel testo si spiega precisamente che “Enzo Bianchi, Goffredo Boselli, Lino Breda e Antonella Casiraghi dovranno separarsi da Bose e trasferirsi in altro luogo, decadendo da tutti gli incarichi attualmente detenuti”.

Si tratta del fondatore, due confratelli e una consorella, parte dei circa novanta membri, quasi tutti laici e di sei nazionalità, di cui attualmente è composta la comunità. Nel testo viene anche spiegato che la situazione è “tesa e problematica per quanto riguarda l’esercizio dell’autorità del fondatore e il clima fraterno”.

La comunità monastica di Bose in un momento di preghiera – sourceweb

Superare disagi e incomprensioni

Si parla inoltre della necessità di “superare gravi disagi e incomprensioni che potrebbero indebolire o addirittura annullare” il suo ruolo. Enzo Bianchi infatti non è un semplice priore, ma un personaggio famoso, scrittore affermato che pubblica regolarmente con le più grandi case editrici, insomma una figura quasi ingombrante.

Tra l’altro, Bianchi è una figura da sempre stimata anche da Papa Francesco, che più volte gli ha rivolto discorsi di encomio e affetto.  “I fratelli e le sorelle di Bose esprimono sincera gratitudine al Santo Padre Francesco per questo segno di vicinanza e di sollecitudine paterna, e accolgono con gioia questa opportunità preziosa di ascolto e di dialogo”, era stato scritto dopo l’invio degli ispettori vaticani lo scorso settembre.

Le parole di Enzo Bianchi

Su Twitter, dove è molto attivo, l’ex priore Enzo Bianchi scrive: “Ciò che è decisivo per determinare il valore di una vita non è la quantità di cose che abbiamo realizzato ma l’amore che abbiamo vissuto in ciascuna delle nostre azioni: anche quando le cose che abbiamo realizzato finiranno l’amore resterà come loro traccia indelebile”.

Il monastero di Bose, in una frazione del comune di Magnano, in provincia di Biella – sourceweb

Due giorni fa, il 22 maggio, scriveva un messaggio che suona ancora più amaro: “Quando giunge il fallimento, la sconfitta noun rinunciare mai alla verità, perché anche nell’umiliazione la verità va glorificata: solo se ferisce la carità la verità può essere celata, e maledetto sia colui per il quale la verità va detta senza pensare alla carità fraterna”.

Giovanni Bernardi

Segui tutte le nostre News anche attraverso il nuovo servizio di Google News, CLICCA QUI

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]