Nasce “Fonte di Ismaele”: un segno concreto di amore per i più deboli

Nessuno sia escluso, neanche i più piccoli. E’ questo il fine del nuovo centro nato a Roma per accogliere ed ascoltare chi è in difficoltà.

centro
photo web source

In un momento difficile, dove si fa prima ad escludere che ad aprire le braccia per accogliere, nasce a Roma “Fonte di Ismaele”, centro solidale per i più piccoli.

Il centro per coloro che sono abbandonati

Un progetto nato, anche, con la collaborazione dell’Elemosineria Vaticana, atto ad accogliere i più piccoli, i più deboli, i più esclusi, specie in questo momento così difficile. Nasce a Roma “Fonte di Ismaele”, centro per madri e bambini in difficoltà.

Un centro dedicato al sostegno e all’ascolto delle persone di età minore, realizzato dall’Istituto di Medicina Solidale e dall’associazione “Dorean Dote”.

Nasce “Fonte di Ismaele”, il centro per l’accoglienza dei piccoli

Il nome è molto particolare: Ismaele. In un brano dell’Antico Testamento, Ismaele era stato allontanato insieme a sua madre, schiava in casa di Abramo, dalla gelosia di Sara (moglie di Abramo). Fu costretto a vagare nel deserto. Ma Dio non l’abbandonò: “Dio si era reso presente dandogli l’acqua necessaria per attraversare il deserto” – è scritto.

Sulla base di questo episodio, nasce la volontà di creare un centro, una sorta di rifugio proprio per tutti i piccoli e le loro mamme in difficoltà.

Il centro, inaugurato venerdì, ha visto la partecipazione dell’Elemosiniere Vaticano, Monsignor Krakewski, insieme a Monsignor Lojudice, arcivescovo di Siena-Colle Val D’Elsa- Montalcino e presidente dell’associazione Dorean Dote, a Lucia Ercoli, coordinatrice dell’Istituto di Medicina Solidale e a Mariella Enoc, presidente dell’ospedale Pediatrico Bambino Gesù.

centro
photo web source

“Troppi piccoli Ismaele sopravvivono nelle nostre città”

Oggi troppi “piccoli Ismaele” sopravvivono nel deserto delle periferie delle nostre città. Il centro è stato ristrutturato grazie a una donazione fatta dalla famiglia del dottor Valerio Cicconi. Impegnato fino alla fine della sua vita nell’assistenza dei più fragili e delle persone senza fissa dimora, a lui, è dedicato l’ambulatorio pediatrico presente all’interno del centro.

Il sostegno dell’Ospedale “Bambino Gesù”

Il Centro Fonte d’Ismaele è rivolto a donne e bambini che si trovano in condizione di emarginazione sociale e che chiedono di essere accolti tutelati e curati senza frapporre ostacoli di natura economica, burocratica, culturale, etnica e religiosa” – spiegano i rappresentati delle associazioni presenti all’inaugurazione.

La collaborazione con l’Ospedale Pediatrico “Bambino Gesù” prevede, all’interno del centro, anche il sostegno psichiatrico e psicologico per i più piccoli.

centro 1
photo web source

Protezione dei più deboli, sostegno alle loro mamme, rifugio per coloro che sono in difficoltà e che hanno bisogno di tutte le cure possibili: questo è il perno centrale del centro appena inaugurato. Come scritto nella Scrittura, “Dio non abbandona mai nessuno”: e nemmeno i più piccoli devono esser lasciati soli.

Fonte: acistampa.com

ROSALIA GIGLIANO

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]