Il Vangelo di oggi ci dice: “Vi è già chi vi accusa: Mosè”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:43

Nel passo del Vangelo di oggi, Gesù risponde ai propri accusatori e spiega che a testimoniare la sua natura divina sono i profeti che lo hanno preceduto.

Il Vangelo di oggi ci dice

Con durezza il Messia dice inoltre che non sarà lui ad accusare davanti a suo Padre chi non lo accoglie, ma lo fa già la Legge di Mosè a cui sono così legati.

Gesù parla a tutti quegli giudei che ascoltando le sue parole e vedendo i miracoli compiuti non lo riconoscono come Messia. A loro spiega che lui non deve testimoniare loro la sua natura divina, lo ha fatto per lui Giovanni, ma lo hanno fatto precedentemente i testi sacri, dove sono contenute le profezie che parlano del suo arrivo. Il suo compito è quello di portare la salvezza, rendere edotti tutti quanti che c’è una possibilità di cancellare il peccato originale e garantirsi l’ingresso nel Regno dei Cieli. Chiunque non lo riesca a capire, chiunque lo rifiuti dovrà vedersela con il Padre Eterno quando sarà il momento. Non sarà lui ad accusarli, ma quelle stesse leggi e quello stesso Mosè a cui ritengono di credere.

Dal Vangelo secondo Giovanni (5, 31-47): “In quel tempo, Gesù disse ai Giudei:
«Se fossi io a testimoniare di me stesso, la mia testimonianza non sarebbe vera. C’è un altro che dà testimonianza di me, e so che la testimonianza che egli dà di me è vera.
Voi avete inviato dei messaggeri a Giovanni ed egli ha dato testimonianza alla verità. Io non ricevo testimonianza da un uomo; ma vi dico queste cose perché siate salvati. Egli era la lampada che arde e risplende, e voi solo per un momento avete voluto rallegrarvi alla sua luce. Io però ho una testimonianza superiore a quella di Giovanni: le opere che il Padre mi ha dato da compiere, quelle stesse opere che io sto facendo, testimoniano di me che il Padre mi ha mandato.

E anche il Padre, che mi ha mandato, ha dato testimonianza di me. Ma voi non avete mai ascoltato la sua voce né avete mai visto il suo volto, e la sua parola non rimane in voi; infatti non credete a colui che egli ha mandato. Voi scrutate le Scritture, pensando di avere in esse la vita eterna: sono proprio esse che danno testimonianza di me. Ma voi non volete venire a me per avere vita.

Io non ricevo gloria dagli uomini. Ma vi conosco: non avete in voi l’amore di Dio. Io sono venuto nel nome del Padre mio e voi non mi accogliete; se un altro venisse nel proprio nome, lo accogliereste. E come potete credere, voi che ricevete gloria gli uni dagli altri, e non cercate la gloria che viene dall’unico Dio? Non crediate che sarò io ad accusarvi davanti al Padre; vi è già chi vi accusa: Mosè, nel quale riponete la vostra speranza. Se infatti credeste a Mosè, credereste anche a me; perché egli ha scritto di me. Ma se non credete ai suoi scritti, come potrete credere alle mie parole?».

Cosa ci insegna il Vangelo di oggi?

I giudei chiedono a Gesù prove certe, inconfutabili, delle sua natura divina. Lui risponde che non può dare prova diretta di ciò, visto che se fosse lui a dare testimonianza non se ne potrebbe appurare la veridicità. Si affida allora a Giovanni Battista, alle Sacre Scritture e a Mosè. La dottrina di cui si fa portatore e le sue opere (i miracoli compiuti), letti alla luce dei testi sacri e delle parole di Mosè dovrebbero bastare a testimoniare la sua messianicità. Cosa impariamo da questa risposta? Non possiamo conoscere Gesù se non conosciamo le Sacre Scritture, leggiamo dunque la Bibbia per un incontro consapevole con Cristo.

Segui tutte le nostre News anche attraverso il nuovo servizio di Google News, CLICCA QUI

Luca Scapatello

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]