Vangelo del giorno secondo Luca 11,29-32 e commento di Don Gaetano

Vangelo del giorno secondo Luca 11,29-32
Giona Profeta

vangelo di oggi: mercoledì della I settimana di Quaresima – I settimana del salterio

Dal Vangelo secondo Luca 11,29-32
In quel tempo, mentre le folle si accalcavano, Gesù cominciò a dire: «Questa generazione è una generazione malvagia; essa cerca un segno, ma non le sarà dato nessun segno fuorchè il segno di Giona.
Poiché come Giona fu un segno per quelli di Nìnive, così anche il Figlio dell’uomo lo sarà per questa generazione.
La regina del sud sorgerà nel giudizio insieme con gli uomini di questa generazione e li condannerà; perché essa venne dalle estremità della terra per ascoltare la sapienza di Salomone. Ed ecco, ben più di Salomone c’è qui.
Quelli di Nìnive sorgeranno nel giudizio insieme con questa generazione e la condanneranno; perché essi alla predicazione di Giona si convertirono. Ed ecco, ben più di Giona c’è qui».

Il commento

La generazione del tempo di Gesù è stata giudicata malvagia da lui per non avere riconosciuto Colui che il Padre aveva mandato, ” più grande di ogni profeta e uomo potente” . Come sarà giudicata la nostra generazione dal momento che si è mostrata chiusa ad ogni segno del Cielo che invita alla conversione? Come allora anche oggi non ci sarà dato altro segno se non il “segno di Giona”, la Croce santa dove il nostro Redentore ha unito la sua dolce sposa, la sua santa Chiesa una, cattolica e apostolica. Accogliamo con grande gioia e sentimenti di vera gratitudine l’immensa misericordia che ci è stata usata e ci viene ancora donata in questo tempo di grazia e portiamo frutti di vera conversione.

Buona giornata . Vi benedico. Don Gaetano