Vangelo del giorno secondo Giovanni 8,51-59 e commento di Don Gaetano

vangelo di oggi 22 marzo 2018
“…chi osserva la mia parola non vedrà la morte in eterno”

Vangelo del Giovedì della V settimana di Quaresima – I del salterio – anno B

Dal Vangelo secondo Giovanni 8,51-59
In quel tempo, Gesù disse ai Giudei: «In verità, in verità vi dico: se uno osserva la mia parola, non vedrà mai la morte».
Gli dissero i Giudei: «Ora sappiamo che hai un demonio. Abramo è morto, come anche i profeti, e tu dici: “Chi osserva la mia parola non conoscerà mai la morte”.
Sei tu più grande del nostro padre Abramo, che è morto? Anche i profeti sono morti; chi pretendi di essere?».
Rispose Gesù: «Se io glorificassi me stesso, la mia gloria non sarebbe nulla; chi mi glorifica è il Padre mio, del quale voi dite: “E’ nostro Dio!”,
e non lo conoscete. Io invece lo conosco. E se dicessi che non lo conosco, sarei come voi, un mentitore; ma lo conosco e osservo la sua parola.
Abramo, vostro padre, esultò nella speranza di vedere il mio giorno; lo vide e se ne rallegrò».
Gli dissero allora i Giudei: «Non hai ancora cinquant’anni e hai visto Abramo?».
Rispose loro Gesù: «In verità, in verità vi dico: prima che Abramo fosse, Io Sono».
Allora raccolsero pietre per scagliarle contro di lui; ma Gesù si nascose e uscì dal tempio.

Parola del Signore

Ormai vicini alla celebrazione della Pasqua del Signore chiediamoci se in noi abbiamo accolto la Parola di Gesù e rimaniamo in essa. Allora conosceremo la verità e saremo davvero liberi e non più schiavi delle nostre passioni. La nostra vera conversione consiste perciò nel fare rimanere in noi la Parola di Gesù e nel rimanere in essa. Questo stato interiore è fondamentale per portare frutto, perché cosi lasceremo piena disponibilità alla grazia di operare in noi e di trasformarci in creature nuove che non conoscono più il peccato ma solo la Verità che viene da Dio. Chiediamo allo Spirito Santo per intercessione della Vergine Maria di vivere questa continua “Pasqua” , questo continua “Passaggio” dalla schiavitù del peccato alla libertà dei figli di Dio.

Buona giornata. Vi benedico. Don Gaetano