Un’altro sacrilegio che colpisce il tabernacolo, luogo santo perchè ospita il corpo di Cristo.

zcVYnplgPUyiViL0uHrAVe6xDcrmAZK881gIBUYb26Y-il_tabernacolo_della_chiesa_di_santa_maria_assunta_della_pianta

Il nuovo anno non è iniziato nel migliore dei modi riguardo agli atti vandalici compiuti ai danni di chiese ,statue e immagini sacre e luoghi sacri, compiuti da vandali ma soprattutto da satanisti e sette. Che hanno messo ormai nel mirino da diverso tempo la razzia di oggetti sacri e soprattutto di ostie consacrate con le quale realizzano messe nere e rituali satanici. Non può essere più un caso che tabernacoli vengano presi d’assalto che statue della Madonna vengano deturpate o distrutte, e così avviene anche per altre immagini sacre. L’ultimo atto vandalico che vogliamo segnalarvi in ordine cronologico riguarda la Chiesa del Rosario a Selva Nera. I tabernacoli violati sono all’ordine del giorno , segno di un fenomeno crescente che non può essere più considerato frutto dell’azione di ladri sprovveduti o di ragazzini che si divertono compiendo atti vandalici,  parliamo invece di propri e veri attacchi premeditati alla sovranità e Divinità di Cristo, questi gesti gravi tendono a colpire il cuore della nostra fede il simbolo per eccellenza del nostro essere cioè il corpo di Cristo.

Sacrilegio nella Chiesa del Rosario a Selva Nera
Una notizia che addolora tutti i credenti, e non solo. La notte scorsa, Giovedì 7 Gennaio, ignoti hanno violato la Chiesa della Madonna del Rosario a Selva Nera, hanno divelto il tabernacolo portando via alcune ostie consacrate e gettandone a terra altre; è stata trafugata anche la Reliquia di Padre Pio e sono stati danneggiati gli arredi sacri. Un gesto gravissimo, una offesa inaudita e totale alla presenza reale del Signore nel Sacramento dell’Eucaristia e alla fede di tutta la Chiesa.
Appreso l’episodio stamattina dalla viva voce del Parroco, Don Emanuele Giannone, Monsignor Reali ha dichiarato formalmente la scomunica per gli autori del gravissimo gesto e per gli eventuali mandanti. Il Vescovo ha disposto anche di riparare all’offesa recata al Signore con la celebrazione di una Santa Messa alla quale dovrà seguire un momento di prolungata adorazione eucaristica.

La Santa Messa di riparazione sarà celebrata Lunedì 11 Gennaio, alle ore 16.30, presso la Chiesa Madonna del Rosario (Largo Ines Bedeschi, Selva Nera); seguirà l’Adorazione Eucaristica fino alle ore 20.00.

Nasce spontaneamente in tutti l’esigenza di pregare perché non abbiano mai più a ripetersi fatti simili che definire “gravi” è poco, per l’offesa che recano a Gesù Sacramentato e per il profondo dolore che causano nel cuore di ogni credente.

d. Roberto Leoni