Turchia, continua l’islamizzazione: anche un Monastero diventa Moschea

Continua senza sosta il processo di islamizzazione della Turchia: dopo Santa Sofia, un altro importante edificio cristiano-bizantino è stato aperto al culto islamico.

San Salvatore in Chora
San Salvatore in Chora (photo websource)

La trasformazione della monumentale Chiesa di Santa Sofia in Moschea è solo la più eclatante delle notizie, dal momento che il processo di islamizzazione della Turchia passa anche attraverso altre decisioni e decreti. L’ultimo di questi, seppur la notizia trapelava ormai da tempo, è la trasformazione in Moschea di un altro edificio di origine cristiano-bizantina: il monastero di San Salvatore in Chora.

Turchia: un altro edificio diventa Moschea

La decisione del Consiglio di Stato è arrivata nei giorni scorsi: San Salvatore in Chora è tornata ad essere adibita al culto islamico. Tornata non perché vi fosse nata con quel fine, ma perché nel 1453, con la conquista degli ottomani fu trasformata in Moschea. In realtà, quel bellissimo edificio nacque, come ricorda Acistampa, nel 534, durante il periodo bizantino. L’edificio divenne fin da subito un monastero. A seguito della conquista degli ottomani, il monastero fu trasformato in Moschea e rimase tale per molti anni, salvo poi essere trasformata in museo a distanza di qualche anno rispetto alla nascita della Repubblica di Turchia.

erdogan santa sofia
Erdogan riconverte la Basilica di Santa Sofia in moschea

La Chiesa di Nicea: altro esempio di questo processo

Ma non solo Santa Sofia e San Salvatore. A diventar protagonista di questo processo è toccato anche alla facoltosa Chiesa di Nicea. La Chiesa che ospitò il Concilio che codificò il Credo dei cristiani, divenne Moschea nel 2011. Si tratta, com’è evidente, di un processo che passa in realtà per ogni angolo della città. Basti pensare, in tal senso, a Piazza Taksim, emblema della Istanbul moderna. In questa piazza, circa tre anni fa, è iniziata la costruzione di una grande Moschea, non ancora completata, ma i cui lavori sono giunti quasi al termine.

Fabio Amicosante

 

 

 

 

 

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]