Triduo a San Giacomo il Maggiore, terzo giorno: i pellegrinaggi alla sua tomba

Con il seguente triduo, ci prepariamo a celebrare la memoria liturgica di San Giacomo il Maggiore, apostolo di Cristo e martire della Chiesa.

San Giacomo il Maggiore
San Giacomo il Maggiore (photo websource)

San Giacomo, detto il Maggiore per distinguerlo dall’omonimo apostolo Giacomo di Alfeo, detto invece il Minore, fu uno dei tre apostoli che assistette alla “Trasfigurazione di Nostro Signore”. Morto martire in nome di Cristo, San Giacomo andò al patibolo sotto il Regno di Erode Agrippa I. Le fonti che ci parlano del Santo non sono molteplici, ma sono decisamente illustri. Parlano di San Giacomo gli scritti del Nuovo Testamento e alcuni scritti dei Padri della Chiesa. Come accade spesso per i personaggi del primissimo cristianesimo, le date di nascita e di morte non sono certe. Con ogni probabilità trovò la morte tra il 43 e il 44 d.C.

San Giacomo il Maggiore e la nascita del pellegrinaggio

La tomba di San Giacomo il Maggiore divenne, nel corso del Medioevo, meta di numerosi pellegrinaggi. Non a caso, il luogo presso cui essa si trova prese il nome di “Santiago”, nome proveniente da “Sancti Jacobi” (in spagnolo Sant-Yago). Risale all’anno 1075 la costruzione della Basilica a lui dedicata. Nel corso del Medioevo, il cammino di Santiago di Compostela divenne la terza meta dei pellegrinaggi della storia. Gli altri due pellegrinaggi, che avevano origini più antiche, erano quelli che portavano alla tomba di Gesù, a Gerusalemme, e alla tomba di San Pietro, a Roma.

Triduo a San Giacomo il Maggiore – terzo giorno

O glorioso S. Giacomo, che per le vostra purità e poi vostro zelo meritaste di essere da Gesù Cristo, non solo sollevato al grado di apostolo, ma tra gli apostoli stessi privilegiato delle più intime sue confidenze, unitamente a S. Pietro e S. Giovanni, quindi di essere spettatore della sua trasfigurazione sul Taborre, del suo sudor di Sangue nell’Orto, ottenete a noi tutti la grazia di essere sempre così casti, così disinteressati, così fervorosi da meritarci dal cielo le grazie più elette e singolari.

Gloria al Padre …

O glorioso S. Giacomo, che, annunziando ai popoli della Spagna il Vangelo della salute, instillaste nel cuore di tutti la più profonda venerazione per la santa vergine Maria, o la più viva confidenza nel suo patrocinio, indi con una sola parola confondeste o convertiste alla fede Fileta ed Ermogene che avevano preso l’iniquo assunto di contrariare coi loro artifizii le vostre santissime imprese, ottenete a noi tutti la grazia di applicarci nel miglior modo possibile alla santificazione dei nostri fratelli, e di professare continuamente divozione sincera e fervorosa alla comun madre Maria, che è l’aiuto di tutti i cristiani, e l’arbitra di tutte le grazie.

Gloria al Padre …

O glorioso S. Giacomo, che, dopo aver persa causa di Gesù Cristo sostenute le più grandi fatiche e affrontati i maggiori pericoli, aveste l’onore di essere il primo fra gli apostoli a sigillare col sangue la vostra fede, non che di convertire negli estremi momenti di vostra vita, ed aver per compagno del vostro martirio quel medesimo Ebreo che sollecitò la vostra condanna presso di Erode, ottenete a noi tutti la grazia di sostenere sempre in pace le fatiche o i travagli di questa terra, e di contraccambiare coi benefici i torti che riceviamo dai nostri fratelli, onde, vivendo come voi nella continua rinnegazione degli appetiti disordinati, meritiamo di essere un giorno vostri compagni nel cielo.

Gloria al Padre …

(fonte preghiera: Rosario On line)

Fabio Amicosante

Segui tutte le nostre News anche attraverso il nuovo servizio di Google News, CLICCA QUI

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]